Archivi categoria: Archeologia

Il Faraone Gigante

5.000 anni fa, un ‘gigante’ dominò l’Antico Egitto

Un antico faraone egiziano chiamato Sa-Nakht, dalla terza dinastia, era l’antico gigante dell’Egitto.

Sa-Nakht governò la civiltà del fiume Nilo circa 1.000 anni prima che Ramses II salisse al trono. Ramses, era considerato estremamente alto migliaia di anni fa, con un’altezza di circa 1,75 m, ma, era “sovrastato” dalla dimensione del faraone Sa-Nakht.

Sa-Nakht o Sanakht da anni è rimasto un enigma per gli esperti, dato che le informazioni riguardanti la sua dominazione, quando ha assunto la carica, quando è morto e su che tipo di faraone era, è rimasto ambiguo nel tempo. Quello che si sa di questo faraone è dovuto a diversi esperti che sono riusciti a raccogliere nel corso degli anni alcune reliquie che sono sopravvissute per più di 5000 anni.

Se si da un occhio ai registri dell’antico e storico egiziano Manetho (Manetone) e nella lista dei re di Torino, Sa-Nakht ha governato l’antico impero egiziano per 18 anni, ma molti archeologi sostengono che il periodo di tempo esatto rimasto sul trono rimane un mistero. La sua esistenza è attestata da frammenti di guarnizioni trovati a nella mastaba K2 a Beit Khallaf e un graffito – un marchio deliberato fatto da graffiti o incisioni su una grande superficie come un muro.

Negli ultimi anni, grazie a numerose scoperte archeologiche ad Abydos, la posizione di Sa-Nakht come fondatore dell’antica dinastia egiziana regnante d’Egitto, registrata da Manetho e dalla Roya Torino Canon, è stata seriamente minata, creando come mai prima d’ora più confusione intorno all’antico faraone egiziano.

Ok, quindi cosa sappiamo? Quello che sappiamo è che era un vero GIGANTE per il suo tempo. Si ritiene che nel 1901, nel piccolo villaggio di Beit Khallaf gli archeologi hanno scavato i resti di Sa-Nakht. I resti scheletrici appartenevano ad un uomo che si levava in piedi a 6 metri e di larghezza 1,6 pollici, quasi 2,00 metri. Questo avrebbe reso il faraone Sa-Nakht un vero gigante.

Secondo studi precedenti, l’altezza media per gli uomini intorno a questo tempo era di circa 5 metri secondo il co-autore dello studio Michael Habicht. Secondo Charles S. Myers, nel libro “Le ossa di Hen Nekht, un re egiziano della terza dinastia”, il cranio di Sa-Nakht era piuttosto grande e capiente.

Anche se la sua capienza cranica era insolitamente ampia e quasi brachicefalo, le proporzioni delle sue lunghe ossa erano regolate tropicamente come quelle di molti altri antichi egiziani in quel momento.

L’altezza di Sa-Nakht era diversa da qualsiasi cosa precedentemente vista. Infatti, era così alto che avrebbe torreggiato sopra Ramesses II, il più alto registrato antico faraone egiziano, alto circa 9 piedi (1,75 m), che governò l’antico Egitto 1000 anni dopo Sa-Nakht. Uno studio pubblicato su The Lancet: Diabetes & Endocrinology, indica come l’antico faraone egiziano possa aver sofferto di Gigantismo.

Gli esperti dell’Università di Zurigo che hanno analizzato accuratamente i resti ritengono che questo è il più antico esempio di gigantismo nella storia umana. Contrariamente alla credenza popolare, l’altezza di Sa-Nakht non gli avrebbe concesso alcun vantaggio sociale, come di fatto vengono raffigurate le statue nelle antiche dinastie dell’Egitto, sono preferite statue più piccole, dal momento che c’erano “molte piccole persone nel servizio regale”, così concludevano gli esperti dello studio.

“Le ragioni di questa inclinazione non sono sempre certe”, ha concluso il coautore dello studio Michael Habicht, un egittologo dell’Istituto di Medicina Evoluzionistica dell’Università di Zurigo.

https://www.ancient-code.com/ 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

CURIOSITÀ

Gilgamesh – Il senso della vita

 Gilgamesh, l’antico alieno trovato sepolto in Iraq

June 26, 2017
from YouTube Website 

Molti scritti attribuirono alla leggenda quello che circonda il grande antico re di Uruk, e molte delle città della mitologia.
 

La città di Uruk è stata dichiarata famosa come la capitale dell’antico re Gilgamesh, governatore e eroe dell’omonima epopea.

Si ritiene che Uruk fosse la Erech biblica da Genesi 10:10, la seconda città fondata da Nimrod in Shinar. 
 

L’epopea di Gilgamesh – scritta da uno studioso mediorientale di 2.500 anni prima della nascita di Cristo – commemora la vita del governatore della città di Uruk, da cui l’Iraq ottiene il suo nome. 

Uruk ha attraversato diverse fasi di crescita, dall’antico periodo della sua nascita (4000-3500 a.C) fino al periodo della sua fine (3500-3100 a.C). 

Si dice che la città sia stata costituita quando due piccoli insediamenti a Ubaid si sono fusi. I complessi del tempio e i loro nuclei sono diventati il ​​Distretto di Eanna e il Distretto di Anu dedicati rispettivamente a Inanna e Anu. 
 

Nel 2003, poco prima dell’invasione irachena che ha rovesciato Hussein, furono fatte sorprendenti scoperte in Iraq, culminando in una delle affermazioni più straordinarie avvenute da secoli

Una critica e stata fatta alle forze americane, e fortemente accusate di confisca, diventando poi il principale sospetto della forza trainante di una completa soppressione di queste scoperte sorprendenti all’interno del paese.

Nell’aprile del 2003, Jorg Fassbinder, del dipartimento bavarese per Monumenti Storici, a Monaco di Baviera, ha dichiarato al programma della Scienza della BBC World Service, questa citazione,

“Non voglio dire definitivamente che fosse la tomba del re Gilgamesh, ma sembra molto simile a quella descritta nell’epopea”.

Fassbinder ha detto: “abbiamo trovato appena fuori città in una zona nel mezzo dell’ex fiume Eufrate i resti di un edificio che potrebbe essere interpretato come sepoltura”.

Nel libro, Gilgamesh è descritto come stato sepolto sotto l’Eufrate, in una tomba apparentemente costruita a seguito della sua morte quando le acque dell’antico fiume si separarono.

Fassbinder ha detto che l’incredibile scoperta della città antica sotto il deserto iracheno era stata resa possibile dalla tecnologia moderna.

“La cosa più sorprendente è che abbiamo trovato strutture già descritte da Gilgamesh”, ha dichiarato Fassbinder.

“Abbiamo coperto più di 100 ettari, abbiamo trovato strutture del giardino e strutture del campo come descritto nell’epica, e abbiamo trovato case babilonesi”.

Inoltre ha detto che la scoperta più sorprendente era un sistema incredibilmente sofisticato di canali.

Era prevedibile che la storia stesse in silenzio … a causa di conflitti all’interno del paese e in gran parte si credeva che gli scavi fossero stati fermati,

Tuttavia, sembra che la scoperta del re Gilgamesh non possa essere stata fatta in forma sottaciuta, anche perché sembra che alcuni spettatori siano stati in grado di registrare l’evento.

Questo filmato è stato presumibilmente pubblicato in numerosi luoghi attraverso Internet, ed è stato in gran parte messo giù come ripresa autentica della ricerca, poco dopo questo sono stati fatti dei rapporti che affermano che le forze americane si sono trasferite e sequestrato la scoperta.

Perché le potenze che si sentono in grado di sopprimere tali scoperte, scoperte di vere e proprie tombe di personaggi lungamente pensati per essere mitici?

La tragedia di Osiride è solo un esempio di molti che sono senza dubbio ancora nascosti al pubblico. Forse alcuni indizi sono il motivo per cui la sua tomba è stata nascosta, si trovano solo nell’epica di Gilgamesh, e così le sue immense potenze possedute.

Era il 5° re di Uruk e il suo potere era così potente, molti credono che le storie che lo circondano siano solo miti, costruiti intorno alla sua forza e resistenza apparentemente superiore.

Tuttavia, seri studiosi hanno concluso che la storia di Gilgamesh non è altro che una favola a causa della sua storia stupefacente.

In The Epic il grande re viene considerato dagli dei essere troppo orgoglioso e arrogante e così decidono di darle una lezione, mandandole un uomo selvaggio, Enkidu, per umiliarlo.

Enkidu e Gilgamesh, dopo una feroce battaglia in cui nessuno è risultato vincitore, diventano amici e insieme intraprendono molte avventure.

Quando Enkidu è colpito dalla morte, Gilgamesh cade in un profondo dolore e, riconoscendo la propria mortalità per la morte del suo amico, si interroga sul senso della vita e del valore della realizzazione umana di fronte alla finale estinzione.

Togliendo e eliminando via tutta la sua vecchia vanità e l’orgoglio, Gilgamesh si mette alla ricerca per trovare il senso della vita e, infine, in un certo modo sconfiggere la morte. In tal modo, diventa il primo eroe epico della letteratura mondiale.

Il dolore di Gilgamesh e le domande che la morte del suo amico evocano risuonano in ogni essere umano che ha lottato con il senso della vita di fronte alla morte.

Anche se Gilgamesh nella storia non riesce a vincere la morte per avere l’immortalità, le sue opere vivono attraverso la parola scritta e, lo fa così.

  • È questo il filmato sotto vuoto della tomba di Gilgamesh?
  • Indipendentemente dalla sua autenticità, perché tutta questa segretezza?
  • Siamo come una specie incapace di essere presentata con cose che provano le nostre credenze fondamentali, senza esplodere nel caos?

Sembra che per ora dobbiamo ancora aspettare di scoprirle … 

Video

http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da 

 Articoli correlati:

La prima vera Opera Letteraria della Storia 

Il mito di Gilgames 

Un fortuito ritrovamento 

GILGAMESH THE KING

Levitazione

L’inspiegabile Le antiche civiltà “levitano” i massi per costruire monumenti massicci?

È sbagliato pensare che grandi civiltà antiche come gli antichi Egiziani, Olmechi, Pre-Inca e Inca abbiano decifrato i segreti della “levitazione” e di altre tecnologie che sono state etichettate dalla società odierna come impossibili e mitologiche? E se lo fossero, è possibile che abbiano usato queste “tecnologie dimenticate” per erigere alcune delle più incredibili costruzioni antiche sul nostro pianeta?

L’idea che antiche civiltà in tutto il mondo abbiano potuto trasportare blocchi supermassivi di pietre ha colto per anni gli interessi degli autori, dei ricercatori, degli ingegneri e del grande pubblico.

E’ possibile che antiche culture che hanno abitato la Terra migliaia di anni fa avessero la capacità di spostare blocchi di pietra che pesano 50, 70 o 100 tonnellate?

Inoltre, come sono stati in grado di posizionare queste enormi pietre con estrema precisione facendole aderire con massi più grandi?

Oggi, quando gli ingegneri vogliono trasportare blocchi supermassivi di pietra, hanno bisogno di super macchine. Per noi spostare un masso da 50 tonnellate utilizziamo una serie di strumenti diversi. Tra le altre cose, oggi vengono utilizzate delle gru, prese idrauliche, travi e travi in ​​acciaio quando i costruttori devono spostare i massi pesanti.

Così, la domanda è: come fecero gli antichi popoli presenti sulla Terra migliaia di anni fa a costruire siti come Puma Punku, Ollantaytambo, Baalbek, Teotihuacan e le Piramidi di Giza?

Se diamo un’occhiata a Baalbek in Libano, troveremo il tempio di Giove che contiene TRE delle pietre più alte del mondo. Uno solo di questi massi strepitosi pesa 1.000 tonnellate. Come gli hanno spostati?

Va bene, diciamo che in qualche modo sono riusciti a farlo, ma se andiamo in Bolivia troveremo la stessa cosa più e più volte. Puma Punku contiene alcuni dei blocchi più grandi mai tagliati pesanti 100 tonnellate che si crede siano stati realizzati oltre 2000 anni fa.

Ma Baalbek e Puma Punku non sono gli unici siti della Terra che hanno pietre massicce. Se andiamo in Africa, noteremo che l’altopiano di Giza è qualcosa da missione impossibile. La Grande Piramide di Giza è costituita da uno spettacolare 2,3milioni di blocchi. Quello che è ancora più sorprendente è che il peso della piramide è stimato a 5.955.000 tonnellate. Moltiplicato per 10 ^ 8 fornisce una stima ragionevole della massa terrestre. Alcune delle più grandi pietre di granito si trovano nella camera del Re e pesano tra 25 e 80 tonnellate ciascuna. Questi massicci blocchi di pietra sono stati trasportati da Aswan, a oltre 800 chilometri di distanza.

Questi blocchi di pietra hanno sconcertato esperti, autori e il pubblico per decenni. È possibile che i nostri antichi antenati conoscessero i segreti della levitazione? Una tecnologia che da allora è stata persa nel tempo e nello spazio?  O era tutto fatto con una gigantesca forza lavoro?

È forse sbagliato pensare che grandi civiltà antiche come gli antichi Egiziani, Olmechi, Pre-Inca e Inca abbiano decifrato i segreti della “levitazione” e di altre tecnologie che sono state etichettate dalla società odierna come impossibili e mitologiche?

E se fosse vero? E’ possibile che abbiano usato queste “tecnologie dimenticate” per erigere alcune delle più incredibili costruzioni antiche sul nostro pianeta?

E se non fosse una tecnologia perduta o se NON trovarono i segreti della “levitazione” in che modo avrebbero potuto e creare sulla terra dei monumenti supermassivi?

Il segreto può risiedere nell’acustica

La domanda ovvia è … Come è possibile che una cultura vecchia di 10.000 anni potesse spostare pietre pesanti più di 50 tonnellate?

Curiosamente, tutti i siti antichi che sono caratterizzati da pietre MASSIVE hanno una cosa in comune: ci sono storie, leggende che dicono che queste sono state costruite dagli Dei.

Quindi, pensandoci … gli Dei arrivarono letteralmente sulla Terra per spostare pietre MASSIVE? O qui c’è qualcosa di più riguardo alla storia?

Ci sono diversi antichi miti che parlano di pietre massicce che si muovono in posizione orizzontale con l’aiuto del suono. La potenza del suono ha contribuito a far levitare i blocchi di pietre mettendoli in posizione.

Le leggende di Stonehenge parlano di levitazione e di come le massicce pietre utilizzate nella sua costruzione siano state trasportate da grandi distanze con l’aiuto della levitazione.

Curiosamente, si dice che nelle antiche leggende boliviane, ci raccontano di simili fatti come quello che sta dietro la costruzione di Puma Punku.

Ancora più interessante è il fatto che, secondo lo storico Erodoto Greco, gli Egiziani avrebbero preso conoscenza dagli “Dei” su come posizionare massicci calcarei di pietra, per costruire la grande piramide di Giza.

È tutto legato al suono?

Come può aiutare il suono a spostare oggetti? Questa è fantascienza, giusto? Non proprio. Mentre la tecnologia si muove in avanti così fanno i limiti di ciò che è possibile e non.

Un fascio di traino acustico mono-direzionale è già stato inventato e può ELEVARE e TIRARE un oggetto utilizzando solo le onde sonore da una direzione.

Ecco il video:

https://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: http://ningishzidda.altervista.org/  

 Articoli correlati:   

Baalbek: la prova finale

L’Eldorado degli Anunnaki 

La nanotecnologia dell’antico Egitto

La fortezza di Sacsayhuaman (Perù)

La Ciclopica Fortezza di Sacsayhuaman

di A. Sutherland
10 Aprile 2017
da MessageToEagle Website
traduzione di NicolettaMarino
Versioneoriginale in inglese
Versionein spagnolo

Sacsayhuaman è indubbiamente una delle più impressionanti e misteriose fortezze delle Ande.

Il complesso di pietra di Sacsayhuaman è stato creato da scalpellini estremamente abili e possiamo solo chiederci chi erano veramente.

Enigma degli Antichi Scalini a rovescio a Sacsayhuaman

 

Antica tecnologia avanzata Sacsayhuaman, Perù

Abbiamo solo un vero mistero che sembra impossibile da risolvere.

Tre gigantesche pareti, 1.500 piedi di lunghezza e 54 piedi di larghezza, una volta furono erette vicino alla città di Cuzco, in Perù, ad un’altitudine sopra i 3600 metri (12.000 piedi).

Le mura circondavano un’area pavimentata che conteneva una struttura in pietra circolare che potrebbe essere un calendario solare e altre strutture sia in superficie che sotterranee.

 
Enigma degli Antichi Scalini a rovescioa Sacsayhuaman

Questo fu un luogo di culto o una fortezza? Non lo sappiamo.

E’ anche poco chiaro il periodo in cui le mura furono erette. Ufficialmente fu durante la cultura Killke (900 a 1200 a.C.) che si costruì Sacsayhuaman.

La gente occupò la regione del Sud America attorno a Cuzco in Perù, prima dell’arrivo degli Inca nel 13 secolo.

 
La Fortezza Ciclopica di Sacsayhuaman    

Ma come D. H. Childress puntualizza nel suo libro “AncientTechnology in Peru and Bolivia“,(Antica tecnologia in Perù e Bolivia)

“Sacsayhuaman potrebbe essere ancora più antica di centinaia o addirittura di migliaia di anni rispetto alla cultura Killke.

Non è razionale il perché della costruzione nell’area di Cuzco e Sacsayhuaman solo a cominciare dal 1100 a.C. quando costruzioni megalitiche sono iniziate molto tempo prima in alter aree…” 

Il complesso di pietra di Sacsayhuaman non è il solo enigma di quel posto.

Un altro è un’iscrizione nascosta antica di 30.000 anni trovata nel Tempio di dal Dott. Derek Cunningham, un autore e ricercatore.

Mentre studiava come l’insieme dei blocchi di pietra erano messi insieme rivelando un rimarchevole montaggio di precisione delle pietre, il ricercatore ha scoperto che gli angoli delle pietre di Sacsayhuaman rivelavano qualcosa di straordinario.

Come risultato della sua analisi, Cunningham ha presentato una teoria molto poco ortodossa: gli antichi avi svilupparono “la scrittura” almeno 30.000 anni fa in forma geometrica di testo che è basata sul movimento della luna e del sole.

Secondo il ricercatore, questa “scrittura” misteriosa e astronomica era stata ritrovata anche in luoghi preistorici in altri continenti.

http://www.bibliotecapleyades.net/

Antichi Sigilli che raccontano la storia umana

 

Il segno della storia:
Gli incredibili antichi sigilli cilindrici sumeri

Gli antichi sigilli cilindrici sumeri sono considerati senza dubbio alcuni degli oggetti più interessanti mai recuperati dall’antica Mesopotamia.

Un sigillo cilindrico è un piccolo oggetto decorato con immagini, parole, o in alcuni casi, entrambi incisi sulla sua superficie in modo intricato.I sigilli cilindrici mesopotamici sono importanti per gli studiosi dal momento che spesso raccontano la storia di una linea temporale di una specifica civiltà. Gli antichi sigilli cilindrici sumeri hanno lasciato un segno nella vera storia

Gli antichi sigilli cilindrici sumeri venivano usati facendoli roteare su di una base di argilla fresca, una tavoletta che veniva impressa dal cilindro.

Quando l’argilla si essiccava, l’immagine rimaneva impressa sulla sua superficie. Queste impronte sono state utilizzate dagli antichi Sumeri per una varietà di scopi, ivi incluse le operazioni commerciali, decorazione, e la corrispondenza. La stampa del cilindro è stata considerata come una parte estremamente importante della vita quotidiana nell’antica Mesopotamia.

Dimensione dei sigilli impressi nell’argilla fresca, (impressioni moderne/ correnti)

I sigilli cilindrici erano noti in sumero come kishib e kunukku in accadico e sono stati utilizzati da tutti, sia dai reali che dagli schiavi.

I cilindrici sigilli sono stati fatti da un ‘sealcutter’ noto come burgul in sumerico e come purkullu in lingua accadica

Le immagini lasciate dai sigilli sulla tavoletta d’argilla erano piuttosto complesse e belle.

I sigilli cilindrici sono stati utilizzati da culture del Vicino Oriente antico, tra i Sumeri, Accadi, Ittiti, e Persiani.

Secondo gli esperti, l’origine di questi intriganti oggetti sono originari del periodo tardo Neolitico, intorno al 7600-6000 a.C., nella moderna Siria. Ci sono alcuni studiosi che sostengono che i sigilli cilindrici abbiano avuto origine in Sumer, il moderno Iraq.

I sigilli cilindrici sumeri erano solitamente creati di pietre (talvolta pietre dure) di diversi tipi. Gli antichi utilizzavano l’ametista, l’ossidiana, tra gli altri elementi usati c’era anche l’ematite. Tuttavia, gli esperti hanno riscontrato che per produrre questi oggetti in tempi antichi sono stati usati altri materiali come: vetro, ceramica, oro, argento, legno, osso e avorio.

Questi sigilli cilindrici sumeri, oltre di essere considerati simboli di status e amuleti, venivano usati anche per altri usi pratici.

Sigillo cilindrico e impressione mesopotamica di argilla calcarea del culto di  Shamash, (Louvre)

Essi sono stati usati per firmare documenti scritti su tavolette d’argilla. Utilizzandolo come un timbro, veniva impresso sulla superficie di una tavoletta di argilla fresca, così facendo un individuo avrebbe potuto certificare che il documento era autentico.

Questa necessità di autenticare i documenti si è manifestata con l’aumento della burocrazia che ha avuto luogo in Mesopotamia nel IV millennio a.C., in particolare nelle regioni meridionali, dove la burocrazia era più complessa.
Nel mondo degli affari e del commercio, i sigilli cilindrici sono stati usati per memorizzare e certificare le merci evitando la manomissione o il furto. In questo modo, le impressioni fatte dai sigilli cilindrici d’argilla, che sono stati trovati, venivano usate per sigillare vasetti e lo stoccaggio, sulle porte dei magazzini nell’antica Sumer.

Il disegno dei sigilli cilindrici sumeri ha sempre suscitato grande interesse tra gli esperti, principalmente a causa degli intagli intricati che coprono soggetti molto diversi.

Come viene fatto notare dagli esperti, i motivi erano solitamente concentrati su tre motivi principali: combattimento, banchetti e temi religiosi.

Sulla loro superficie, possiamo vedere le divinità, gli esseri umani, le piante, gli animali e l’iconografia religiosa. Tra gli altri disegni che si possono osservare sui sigilli cilindrici sono motivi geometrici e iscrizioni in scrittura cuneiforme.

Come notato da Ancient.eu, ci sono due stili di sigillo cilindrico: lo stile Uruk e lo stile Nasr Jemdet che si riferiscono ai motivi utilizzati e il modo in cui i sigilli sono stati intagliati. Gli autori Megan Lewis & Marian Feldman hanno commentato su questo, scrivendo:

Lo stile dei sigilli di Uruk mostrano animali e figure rappresentate in modo eccezionalmente naturalistico, suggerendo che gli incisori tenevano a una mirata chiarezza espressiva. I motivi sono narrazioni e rituali che coinvolgono i templi, le barche e le offerte agli dei, così come le rappresentazioni del mondo naturale negli accordi gerarchici. Essi sono abilmente tagliati, dettagliati, e la loro composizione tende ad essere equilibrata ed esteticamente piacevole. I sigilli in stile Nasr Jemdet, lo stile Uruk, sono meno dettagliati di guarnizioni e si caratterizzano per l’uso pesante di frese e dischi di taglio, che rispettivamente producono segni circolari e lineari. Motivi comuni del Nasr in stile Jemdet includono le donne con le trecce coinvolte nel lavoro domestico e gli allevamenti di animali davanti a templi.

Se diamo uno sguardo alla documentazione archeologica, troveremo che gli archeologi hanno scoperto molti sigilli cilindrici e di come le tavolette d’argilla siano  state stampate.

Ci sono numerosi sigilli cilindrici nei musei di tutto il mondo.
Il Museo di Baghdad, per esempio, ha una collezione di 7.000 sigilli cilindrici, sebbene la maggior parte di loro siano stati saccheggiati quando nel 2003 Baghdad cadde nelle mani delle truppe statunitensi .

Questi pezzi archeologici di valore non sono ancora stati recuperati.

Riferimento:

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da 

Le guerre dell’antico passato – storia ignorata

Il conflitto segreto del nostro mondo
La storia ignorata

Dal libro “The Cosmic Portale Orion”
Ricardo González
marzo 2017
Sito LegadoCosmico

Le guerre dell’antico passato sono state extraterrestri?

Un lungo manoscritto appartenente alla straordinaria e più completa scoperta del Mar Morto nel 1947, parla di una guerra tra i “figli della luce e i figli delle tenebre.”

La cosa interessante è che il manoscritto non solo anticipa la guerra fatta dagli umani – e che, alla luce del globale quadro corrente è non del tutto lontano – inverosimile – ma anche esseri divini si sono impegnati e confrontati contro un nemico molto oscuro:

“I Figli della luce che lottano contro i figli delle tenebre con una dimostrazione della potenza divina, in mezzo a un tumulto fragoroso, tra grida di dèi e degli uomini”.

Dei e uomini … da quanto siamo coinvolti nelle vicende di questi “dei”?

Secondo l’antico Mahabharata, un lungo testo indiano e presumibilmente epico “mitologico”, ci racconta di una feroce battaglia avvenuta nei cieli della Terra. Non a caso, questo documento, un lavoro monumentale, un centinaio di migliaia di versi, racconta di una “Grande Guerra”.

La vincitrice di questa guerra è stata la potente Indra, che ha combattuto con il suo veicolo alato, gli asura che si nascondevano tra le “nuvole” …

Gli inni del Rig Veda hanno descritto la “divinità”:

“Avanzavamo senza paura in un combattimento cruento, distruggendo castello dopo castello con la tua forza. Si Indra, con il tuo amico, hai reso il tuo nemico inoffensivo, hai tenuto lontano l’astuto Namuchi. Tu che hai dato la morte a Arancione, Parnaya … Tu che hai distrutto le cento città di Vangrida.

Hai shoccato le nobili creste del cielo quando, hanno osato far male a Sambara.

“Tornando al Mahabharata, si legge che Maia, un’altra curiosa “divinità” indù, ha costruito una grande macchina di metallo ed è stata portata in cielo …

Ciascuno degli “dei” come Indra, Yama, Varuna, Kuvera e Brama, avevano uno di queste macchine volanti metalliche chiamate “Vimana“.

Questi veicoli cosmici venivano modellati a forma di razzo, e navigavano nei cieli per l’effetto del mercurio che originava un grande vento.

Gli uomini alloggiati all’interno dei vimanas potevano percorrere grandi distanze in un istante …

Un altro riferimento intrigante lo fornisce Narada – il grande saggio di antica tradizione – che cita un appartenente all’Indra, che “volava nel cielo di città” “in città” ininterrottamente.

Come se non bastasse, questo portento era circondato da un bianco “muro”, che produceva lampi di luce nel cielo.

Il suddetto Mahabharata descrive anche quello che sembra un attacco atomico:

“La carica di un singolo proiettile aveva la forza dell’universo. Brillante come diecimila soli, una colonna incandescente di fumo e fiamme che aumentavano in tutto il suo splendore.

Era un’arma sconosciuta, un fulmine di ferro, un gigantesco messaggero di morte che ridusse in cenere l’intera razza di Vrishnis e Andhakas.

I corpi erano così terrificantemente bruciati che non potevano essere riconosciuti. Cadevano capelli e unghie: i vasi si rompevano senza nessun motivo, e gli uccelli diventavano bianchi.

Dopo un paio d’ore tutti i prodotti alimentari si sono infettati …

 … Per uscire da questo fuoco i soldati si gettavano nei fiumi, per lavare se stessi e le loro attrezzature … “

In seguito egli dice:

… Raggiunti dal vento che infausto soffiava …

Il sole sembrava girare intorno all’universo, bruciando con il suo calore, sembrava di avere la febbre … elefanti e altre creature della terra, bruciate dall’energia esplosiva, scapparono via …

La stessa acqua quando è stata riscaldata, le creature che vivevano in quell’elemento hanno cominciato a bruciare …

Sono stati gli “dei” a lanciare missili distruttivi dai loro veicoli volanti?

Nel Ramayana, un altro antico documento indù, parla di questi oggetti volanti misteriosi.

Secondo quanto riferito, le persone che usavano quei veicoli divini potevano viaggiare nei cieli della Terra e andare anche verso i loro mondi d’origine, e poi tornare sulla Terra.

Questo e altri poemi epici indù hanno descritto battaglie aeree con “missili”, potenti come i fulmini, capaci di distruggere, come abbiamo visto, tutto quello che si trovava nel loro cammino …

La scomparsa della città di Mohenjo-Daro in Pakistan, circa 3.500 anni fa, potrebbe essere correlata a questi fatti.

Come ora sappiamo, su quella città c’era un chiarore abbagliante, una grande esplosione con una luce accecante che ha fatto totalmente bollire le vicine costiere marine.

Cosa ha causato quella distruzione? Molti studiosi si riferiscono a quella città distrutta originariamente dei Sumeri in Mesopotamia.

Inoltre, negli archivi reali della cultura ittita si parla di un’altra “entità”, il “dio” Teshub – “il Divino Tormentatore” – e le loro pretese per il controllo delle regioni superiori della Terra, che indica che c’è stata una lotta aerea tra quegli esseri.

In aggiunta, vengono narrate le battaglie del Dio Kumarbi lanciate contro Teshub e, come se non bastasse, contro i loro discendenti …

Questi “dei” non solo hanno voluto distruggere:

Essi miravano ad eliminare anche tutte le tracce e il lignaggio del nemico.

Così come viene raccontato in altre culture del mondo riguardo alle alleanze, il vendicatore Kumarbi si è basato su altri “Dei” alleati per dare la battaglia finale.

Il filo comune è che gli Ittiti, anche se pronunciavano i nomi delle loro divinità nella propria lingua, scrivevano utilizzando la scrittura sumerica …

Riflettendo sul termine “divino” che impiegano i “DIN.GIR“, che in sumero significa:

“I Giusti sulle navicelle”.

Ma non tutti erano così “giusti” …

Tutti i riferimenti che noi abbiamo, sui lunghi poemi epici o proverbi, due linee indicando che gli dèi sono sempre stati in mezzo di terribili battaglie.

Gli epici ittiti, hanno evidenti con-notazioni sumere, il sanscrito ricorda anche la storia della battaglia finale tra Indra e il “demone” Vritra:

“E allora si potrebbe vedere una terrificante visione in cui Dio e demone Vritra impegnati in combattimento … ha sparato i suoi proiettili appuntiti, la loro incandescenza e fulmini …

Poi il fulmine ha cominciato a lampeggiare, la terra si spaccava – scossa dai raggi incandescenti … orgogliosamente lanciati da Indra … “

E improvvisamente la campana a morto di sventura stava suonando per di Vritra con scoppi e bracci di pioggia di ferro lanciati da Indra; trafitto, inchiodato, schiacciato con un urlo terribile il demone morente è caduto di testa …

E Indra lo uccise con un fulmine lanciato tra le spalle …”

Disegno Disegno di un Vimana.
In uno di loro era Indra?

L’aspetto delle vimanas ricorda la nave profeta Ezechiele.

La verità è scioccante a notare che questi “dei”, “angeli”, o enti del cielo, erano il mezzo a queste feroci battaglie spaziali.

 La nave del profeta Ezechiele,
come interpretato
dall’Ingegnere Aerospaziale J. Blumrich.

Oltre all’India o alle antiche culture del Medio Oriente, queste guerre sono menzionate anche nell’Apocalisse di San Giovanni (capitolo XII), dove Michele e i suoi angeli affrontare il drago.

Nella mitologia greca troviamo la rivolta degli dèi prima della divinità suprema:

Zeus.

Il risultato è stata una epica lotta che ha avuto luogo presso le bianche pareti dell’Olimpo.

Culture americane ricordano anche quelle battaglie, che per tradizione ha avuto inizio nel cielo “prima del diluvio”.

  • La guerra di quegli esseri ha causato la leggendaria “alluvione” del pianeta?
  • Quindi la caduta di Atlantide nella narrazione di Platone?

Di fatto, nel mondo c’è stato un “nuovo inizio” dopo la catastrofe di proporzioni inimmaginabili.

Il tempo e le leggende hanno nascosto il mistero. Un mistero che indica una comportamento bellicoso e distruttivo degli “dèi”, o, per chiamare le cose con il loro nome, alcuni gruppi alieni in visita nel nostro pianeta in quel momento.

Credo che di quelle “razze stellari” non troveremo una spiegazione soddisfacente solo nella già citata “quarantena di protezione planetaria“.

La sensazione è che lasciano le vecchie storie a quegli esseri, “conosciuti” come “dei” che sono  venuti a combattere sulla Terra, promettendo che un giorno sarebbero ritornati.

Credo che per qualche potente ragione – siano venuti nel nostro mondo con la missione di separarci prendendo direzioni e posizioni diverse.

E il conflitto di idee è stato innescato dall’azione militare …

La mitologia sumera suggerisce che tutto è cominciato dalla lotta di due “parti” in causa che ha seguito il “dio” Enlil – che, secondo le antiche scritture, ha voluto distruggere l’umanità per tre volte – e Enki, suo fratello, che ha cercato proteggere l’uomo.

In Egitto troviamo una storia simile tra Seth e Osiride. La controversia tra “dei” e l’uomo nel mezzo …

Riusciremo mai un giorno ad andare alla causa di queste dispute …?

http://www.bibliotecapleyades.net/ 

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da 

Antartide, quello che non ci viene detto

La Russia vuota il sacco: Antartide, quello che non ci viene detto! Sarà questa la reale Jurassic Park?

Un radar di terra-penetrante ha scoperto un altro continente sotto il ghiaccio antartico. E’ questa la caduta dell’angelica civiltà che ha catturato l’interesse di leader mondiali, e in particolare il Vaticano? C’è un severo divieto nel recarsi in Antartide, ora possiamo capirne il perché. Inoltre, è stato trovato un enorme polipo velenoso con 14-braccia!

Da KING ALEXANDARLITE

Da Night Terrors

Gli scienziati russi in Antartide hanno intrapreso una battaglia contro una creatura, un Organismo classificato come 46b, sotto i ghiacci nel lago Vostok la creatura (un polipo gigante) denominato 46b caccia le sue prede paralizzandole con il veleno.

La strana creatura afferra e smembra la preda utilizzando un potente becco, rompendo la fonte di cibo in pezzi.

Gli antichi credevano nei mostri degli abissi, serpenti che si nascondono sotto le onde, rischiando di urtare e far capovolgere pesanti navi e e uomini a bordo. Oggi non c’è mare o lago che non sia stato sondato e trovati mostri marini. Fatta eccezione per i laghi d’acqua dolce sepolti sotto i ghiacci dell’Antartide.

Vi è un continente nascosta sotto la calotta di ghiaccio dell’Antartide. Il georadar ha stabilito l’esistenza di centinaia di laghi in questo continente. A causa della pressione esercitata dal ghiaccio, questi laghi non sono congelati. Essi sono liquidi, contenente acqua purissima che è stata incontaminata per almeno 15 milioni di anni.

Il più grande di questi è il lago Vostok, coperto da un ghiacciaio di due miglia di spessore. In cima al ghiaccio si trova la stazione di ricerca russa di Vostok. Ci sono voluti dieci anni per i sovietici per praticare un tunnel verticale nel ghiaccio in cui è stato costruito un ascensore speciale, progettato per contenere un solo uomo. Nel 2012 la trivellazione ha finalmente raggiunto il lago sottostante, lungo la sua sponda orientale. Un gruppo di otto uomini si è calato alla superficie originale del continente, un uomo alla volta. Ciò che ne seguì fu un segreto di stato gelosamente custodito, fino a quando uno scienziato russo ha disertato per l’Occidente.

Il Dr. Anton Padalka è stato membro del gruppo di ricerca sovietica. E’ diventato un disertore dopo aver appreso che il suo governo aveva piani militari per una scoperta fatta in Antartide. Il Dr. Padalka in Svizzera, dove risiede ha rivelato l’esistenza di una forma di vita originaria del lago Vostok … una strana e letale creatura designata come Organismo 46-B. Durante un’immersione subacquea per il quale hanno richiesto mute termiche per le basse temperature, hanno rilevato la creatura il primo giorno della spedizione.

L’organismo 46b è una specie di piovra gigante, ma con 14 braccia anziché otto. Condivide tratti del suo parente più vicino noto, “vitreledonella Richardi”, il polpo di vetro. Ma il 46b può fare una cosa che il suo cugino più piccolo non fa. Può paralizzare da una distanza di 150 piedi perché il suo veleno è contenuto nel sacco che viene normalmente utilizzato per espellere l’inchiostro. un membro della spedizione Alexis Vindogradov, operatore radio, fu inviato sotto il ghiaccio per raggiungere il lago sottostante dove ha perso la radio.

Come il Mimetico Octopus dell’Indo-Pacifico, il 46-B ha notevoli poteri di camuffamento. Il mimetizzandosi cambia fisicamente la sua forma per assomigliare ad una delle quindici altre specie acquatiche, come un pesce leone, o un serpente di mare, o di una medusa. Anche in questo caso l’Organismo 46-B ha una ulteriore capacità, un’ulteriore passo avanti a differenza di altri polipi. Il Dr. Padalka ha visto la creatura subacquea trasformarsi in una figura umana. Da primo acchito Hanno pensato che fosse un membro della squadra di nuoto che si muoveva verso di loro. Lo scienziato più vicino alla creatura, un biologo marino, è stato il secondo ricercatore a perdere la vita quando l’organismo ha ripreso la sua forma e lo ha fatto a pezzi con il suo becco.

A questo punto il capo spedizione, AM Yelagin, ha deciso di utilizzare un contenitore per catturare l’organismo. L’unico membro femminile della squadra, il Dr. Marta Kalashnik, è stato utilizzato per attirare il 46b, non perché era attraente, ma perché, come un ex atleta professionista, lei è stata giudicata la migliore in grado di difendersi. La trappola è stato un successo, ma uno dei bracci della creatura del mare la minacciava. Kalashnik è stato costretto a usare la sua accetta per difendersi.

Secondo il Dott Padalka, quando il mangiatore di uomini è stato portato in superficie è stato sequestrato immediatamente dalla sicurezza sovietica. Alla stampa internazionale non è stato detto nulla e che nulla è stato trovato.

Il presidente russo Vladimir Putin intende ora militarizzare il veleno della bestia preistorica.

_____________________________________

 da Sherry Shriner

Da Realtà Marine

Fonte: http://anonymousmags.com/

Traduzione e adattamento Nin.Gish.Zid.Da

Articoli collegati:

L’anomaliamagnetica del lago Vostok (+Video)

Ilcaso del Lago Vostok e altri misteri dell’Antartide

Sottoi ghiacci dell’Antartide