Crea sito

L’ANIMA & la MENTE

Gli scienziati ritengono che la “mente” umana
continua a funzionare dopo che il corpo muore

Uno studio scientifico ha scoperto che la mente umana continua a lavorare anche dopo che un corpo non mostra alcun segno di vita.

Ciò significa che gli scienziati fondamentalmente hanno scoperto che la coscienza di una persona continua a lavorare anche dopo che il corpo muore – il che significa che hanno la consapevolezza della propria morte.

Una vasta ricerca degli scienziati americani suggerisce che la coscienza umana non “esce” subito dal corpo dopo che il cuore si ferma, riportato da Live Science.

Secondo Sam Parnia, direttore della ricerca di terapia intensiva e rianimazione presso la NYU Langone School of Medicine di New York, nella maggior parte dei casi i medici definiscono la morte clinica non appena il cuore smette di battere.

“Tecnicamente, è così che si stabilisce il momento della morte: tutto si basa sul momento in cui il cuore si ferma”, ha spiegato Parnia.

Una volta che accade, il sangue smette di fluire nel cervello, il che significa che la funzione del cervello si ferma “quasi istantaneamente” e tutti i riflessi governati dal corpo sono perduti.

Anche la corteccia cerebrale – la cosiddetta parte del pensiero – si rallenta e le onde cerebrali non sono più visibili su un monitor elettrico.

Ciò inizia una reazione a catena dei processi cellulari che, alla fine, comporta la morte delle cellule cerebrali, ma che può richiedere ore dopo che il cuore si è arrestato, così viene riportato dal ricercatore.

Parnia fa notare che nella prima fase della morte, la persona può ancora sperimentare una qualche forma di coscienza.

Una prova di questo sarebbe nei casi in cui, dopo che il cuore si è fermato e poco dopo ritorna a funzionare, i pazienti sono in grado di descrivere con precisione quello che stava accadendo attorno a loro: i medici e gli infermieri che lavoravano, le parole che hanno scambiato tra di loro, ecc.

Queste sono storie successivamente confermate dal personale medico presente in scena, che sono rimasti sorpresi di sentire che i loro pazienti, tecnicamente morti, avrebbero potuto ricordare tutti quei dettagli.

Parnia ha anche commentato il film Flatliners, che si apre questa settimana, dove si dimostra che la morte e la rianimazione successiva potrebbero migliorare la normale attività cerebrale.

Lo scienziato ha indicato che nella vita reale non è così. Parnia ha notato che: “Nel mondo reale, un biglietto di ritorno dalla morte non include nuove superpotenze cerebrali acquisite – anche se spesso fornisce una nuova prospettiva per la vita, ha notato Parnia“.

Parmia ha detto: “quello che tende ad accadere è che le persone che hanno avuto queste esperienze profonde possano tornare positivamente trasformate – diventano più altruiste, più impegnate nell’aiutare gli altri. Troveranno un nuovo significato alla vita avendo avuto un incontro con la morte”.

Inoltre ha aggiunto: “Non c’è come un improvviso ampliamento magico dei loro ricordi”. “Questo è solo una fiction di Hollywood”.

Fonte: https://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

______________________________________________

Queste sono le nove parti dell’anima umana secondo l’Antico Egitto

di Ivan

Nell’antico Egitto, l’anima di una persona era considerata consistente in nove parti separate che erano integrate in un intero individuo, ma avevano aspetti molto distinti.

In molte culture antiche, come quelle che si trovano in Asia, Africa e persino in America, troviamo un concetto di anima analogamente simile al concetto sviluppato dalle religioni del gruppo giudeo-cristiano (incluso l’Islam) e della filosofia europea.

L’anima, dal punto di vista vedico o Veda, è l’essere, che per natura è eterno (senza nascita o morte o senza inizio o fine) di una sostanza diversa da quella del corpo fisico e che ha la propria coscienza.

Da questo punto di vista, la scienza dei materiali o quello che studia fenomeni fisici o materiali è limitata perché non può studiare fenomeni spirituali poiché la sua natura è diversa dalla fisica.

Questo capitolo della Bhagavad Gita si occupa della natura dell’anima.

Queste antiche culture spiegano in dettaglio il concetto dell’anima umana, proprio come gli antichi egiziani, conosciuti come una delle più avanzate civiltà antiche esistenti sulla Terra, hanno sviluppato un concetto estremamente interessante che spiega l’anima umana.

L’AMORE NON E ‘NON SOLO IL SUO CARATTERE, MA UN COMPOSTO DI DIVERSE ENTITÀ, ENTITÀ OGNUNA CON IL SUO RUOLO DA GIOCARE NEL VIAGGIO DELLA VITA E DOPO LA VITA STESSA.

Gli antichi egiziani erano convinti che l’anima umana era composta da nove principali parti:

il Ren, il Ba, il Ka, il Shuyet, il Jb, l’ Akh, il Sahu, il Khat e il Sechem.

(Nota) In alcune epoche, l’anima era ritenuta composta da cinque parti e in altre sette, ma, in genere, erano nove. Qui esaminiamo le NOVE parti.

Oltre ai componenti dell’anima umana, c’era il corpo umano chiamato “Ha-Haw”, che è stato interpretato come la somma delle parti corporee.

Jb (Il cuore) era una parte estremamente importante dell’anima egizia. Si credeva che si formasse da una goccia di sangue dal cuore della madre del bambino, presa dalla concezione. Nell’antica mitologia egiziana, il cuore era la chiave dell’aldilà.

Shuyet (l’Ombra) è sempre presente. Gli antichi egiziani credevano che l’ombra riassumesse ciò che una persona rappresenta.

Ren (il nome) era un’altra parte cruciale dell’anima. Gli egiziani credevano che la persona che riceveva il Ren dato alla loro nascita, avrebbero vissuti fino a quando questo nome fosse stato pronunciato.

(La personalità) Gli antichi egiziani credevano che Bà fosse tutto ciò che rende una persona unica.

Ka (La scintilla vitale) Secondo gli antichi egizi, il Ka era un concetto vitale nell’anima, in quanto distingue la differenza tra un vivente e una persona morta.

Khat (Il Corpo) il Khat è stato riferito dall’antico Egizio come corpo fisico che, quando defunto, si elevava tra l’anima e la propria vita terrena.

Akh (l’immortale sé) secondo gli antichi egiziani, l’Akh era il trasformato veicolo immortale che offriva un’unione magica del Ba e il Ka.

Sahu (il giudice) Il Sahu era l’aspetto dell’Akh che sarebbe venuto a una persona come un fantasma o addormentata nel sogno. Sahu era differenziato da tutti gli altri aspetti dell’anima una volta che la persona era “valutata” dal Dio Osiride e giudicata degna di esistenza eterna.

Sechem (Un altro aspetto di Akh) Sechem era un altro aspetto dell’Akh che gli permetteva la padronanza delle circostanze. È stata considerata l’energia vitale della persona che si manifesta come potere, avendo la capacità di controllare i propri risultati intorno a sé.

Inoltre, secondo gli antichi Egizi l’essere umano ha otto gradi di personalità:

Ren “, o il lui nome, essere in grado di mantenere l’attuale in base alla cura di una corretta imbalsamazione.

Sejem ” è l’energia, il potere, la luce del defunto.

Aj ” è l’unificazione di “Ka” e “Ba”, in vista di un ritorno all’esistenza.

Ba “, che rende un individuo di essere ciò che è; si applica anche alle cose inanimate. È il concetto più vicino all’Occidente occidentale.

Ka “, la forza vitale. Sostenuto dalle offerte di alimenti per i defunti.

Sheut o Shuyet ” è l’ombra della persona, rappresentata da una figura umana completamente nera.

Seju ” significa i resti fisici della persona.

Jat ” è la parte carnale della persona.

Fonte:  https://www.ancient-code.com/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da 

Antiche guerre e … nuove guerre

Distruzione nucleare extraterrestre del malvagio Anu-Yahweh 

L’annientamento di Sodoma e Gomorra e la creazione del popolo di Anu La storia delle origini sumere

Ottobre 2015 dal sito EnkiPtahSatya  versionespagnola

Eridu: La città sacra di Enki fu desolata

Il 16 luglio 1945, la prima prova di un’arma nucleare fu effettuata in una zona meridionale degli Stati Uniti.

Il test della Trinità, il soprannome dato al dispositivo atomico, si è svolto in una parte remota di Alamogordo nel mezzo del deserto Jornada del Muerto nello stato del Nuovo Messico.

Il dispositivo esplose nel deserto con un’energia pari a 19 kilotoni e lasciò un cratere nel letto del deserto con una profondità di tre metri e una larghezza di 330 metri.

La forza esplosiva della bomba ha trasmesso una potente onda d’urto che si è anche sentita a distanza più di 150 chilometri, i lampi brillanti emessi dall’esplosione hanno illuminato il paesaggio e la nuvola dei funghi ha raggiunto circa 12 chilometri.

In quel momento storico l’era atomica era ormai iniziata.

Tuttavia, il test della Trinità sarebbe risultato pallido rispetto all’orrore sanguinante che doveva seguire solo un mese dopo. Nel mese di agosto dello stesso anno, due bombe dello stesso tipo, battezzato Little Boy e Fat Man dall’esercito degli Stati Uniti, sono state detonate nelle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki.

Le esplosioni atomiche che hanno prodotto hanno raggiunto rispettivamente 16 e 25 kilotoni.

La forza degli esplosioni ha distrutto le città, il fuoco consumante ha scaldato la terra, il suono dell’impatto ha reso il paesaggio tremito e la caduta radioattiva ha coinvolto la vita di decine di migliaia di persone e molti altri sarebbero stati vittime di malattie attribuite all’avvelenamento delle radiazione.

In quei giorni fatali il mondo ha vissuto gli orrori della guerra nucleare per “la prima volta”.

Da allora le nazioni della terra sono entrate in uno stato di paranoia e tutto il mondo, ritenendo che il giorno del temuto futuro si sarebbe avvicinato. La minaccia della guerra nucleare era già diventata una realtà.

Il XX secolo era un’epoca sanguinosa e guerriera, una vera macchia nella storia dell’umanità moderna, e ora, nel 21° secolo, la minaccia della distruzione atomica è ancora molto viva.

Molti uomini, spaventati dalla crescente tendenza all’armamento nucleare, prevedono un futuro terribile per l’umanità e temono un imminente scenario apocalittico protagonizzato dalle armi atomiche di distruzione di massa.

Molti credono che il giorno finale del giudizio sia vicino. Tuttavia, molte persone dimenticano che il corso della storia è ciclico.

Anche se la civiltà umana dovesse essere distrutta da armi atomiche in questo secolo in una data così lontana, non sarebbe stata la prima volta.

Forse quello che ho appena detto sarà una sorpresa per molti lettori. Tuttavia, c’era già un incubo che scosse le fondamenta del mondo civilizzato alla fine del terzo millennio a.C. più di 4000 anni fa.

Il destino del terzo millennio consisteva in una terrificante esplosione militare atomica che avrebbe devastato i regni della Mesopotamia e del Medio Oriente. Tale evento è stato dimenticato dagli storici moderni, ma è stato documentato nei registri storici di quel tempo.

Il più famoso di essi è il Libro della Genesi della Bibbia Ebraica in cui l’evento appare nel noto racconto di Sodoma e Gomorra.

Tuttavia, pochissime persone sanno che in realtà la suddetta storia biblica si basa su una storia mesopotamica molto più antica.

La distruzione delle città per mezzi soprannaturali è stata registrata in un testo Sumero-Accadico chiamato l’Epica di Erra e in un gruppo di registri sumerici conosciuti come le lamentazioni di Sumer più di un millennio prima della composizione della Bibbia ebraica.

Simili al racconto biblico, i testi mesopotamici raccontano come una manciata di città del Medio Oriente venisse annichilita dalle armi misteriose degli dèi e molti altri luoghi furono desolati dall’inquinamento mortale che avevano prodotto.

Visto da una prospettiva moderna, i documenti antichi registrano la prima guerra nucleare nella storia della terra.

Il racconto ebraico di Sodoma e Gomorra e i testi paleo-apocalittici mesopotamici su cui si fonda l’evento biblico testimoniano un conflitto nucleare tra diverse fazioni di esseri alieni in cui furono scatenate armi di distruzione di massa di origine extraterrestre.

Alla fine del terzo millennio gli dei Enkiti guidati da Marduk si trovarono in un faccia a faccia con gli dèi anuisti (enliliti, Anu ndr) in una violenta rivalità per la supremazia nella regione della Mesopotamia.

Incapaci di irrompere nella battaglia e nella lotta, gli sconosciuti doli anuisti decisero di ricorrere alle armi atomiche per l’avanzamento nella loro campagna militare.

Alla fine, quei maledetti malfattori finirono per devastare la terra di un gruppo di città Enkite nelle terre del Medio Oriente con sette armi potenti e la conseguente radioattività che ha provocato l’improvvisa e misteriosa scomparsa dell’ultimo regno della civiltà sumera intorno al 2000 a.C.

L’antica  guerra nucleare secondo gli antichi registri

I registri più conosciuti dell’antica guerra nucleare è senza dubbio la storia della distruzione di Sodoma e Gomorra nella Genesi biblica.

Secondo il racconto ebraico, il cosiddetto dio della giustizia Yahweh vede che i peccati e le abominazioni degli abitanti delle città di Sodoma e Gomorra hanno già raggiunto un estremo e quindi decide di distruggerli.

La natura dei loro crimini non è esplicitata, ma si suppone che il popolo di Sodoma e Gomorra abbia già raggiunto uno stato di totale depravazione.

Questo può essere dedotto dall’episodio poco prima della distruzione in cui il supposto patriarca Abramo invoca il suo dio per avere pietà e non distruggere le città per l’amore dei giusti e poi riceve la risposta che non esistono neanche dieci uomini giusti in Sodoma e Gomorra.

Sappiamo già che solo una manciata di persone può essere considerata “giusta” o “santa” prima del cosiddetto standard morale di quel tiranno senza cuore.

La storia continua …

Presumibilmente Yahweh invia due esseri celesti o angeli per guidare Abramo e salvare la famiglia di Lot, nipote di Abramo e membro del popolo scelto di Yahweh, prima che inizi la distruzione divina.

Il male Yahweh e il suo servo Abramo entrano in complotto, e l’Eterno gli promette che la volontà lo renderà padre di una grande eredità e di una nazione grande e potente.

Dopo la sua intima conversazione con il suo dio, Abrahamo e i due angeli arrivano a Sodoma e tiranno Lot e la sua famiglia fuori dalla città in apparenza in modo soprannaturale. Poi, con la cosiddetta grande misericordia di Yahweh, la distruzione delle città presumibilmente degenerate è rinviata al giorno successivo e i servi di Yahweh fuggono nella lontana città di Zoar.

Domani arriva e il sole sorge sulla terra. L’ora del grande giudizio con il fuoco si avvicina.

Il Signore, il cosiddetto grande giudice della giustizia, sorge contro le città di Sodoma e Gomorra, facendo scendere fuoco e brume dall’alto. Le città vengono completamente distrutte insieme a tutti i loro disgraziati residenti, le pianure sono bruciate e la terra è bollente. Le città sono spazzate via dalla mappa in un istante.

Nel frattempo, in lontananza la moglie di Lot si volta e guarda indietro.

La povera donna viene consumata dalla sostanza emessa dagli esplosioni e viene trasformata in una statua di sale. Quando Abrahamo guarda nella direzione delle città, vede che una colonna di fumo sta salendo dalla terra come il fumo di un forno.

La distruzione delle città è così grande che le figlie di Lot credono che tutta la civiltà umana sia stata distrutta e che esse stesse sono le uniche femmine lasciate sulla terra.

Senza una ombra di dubbio, il racconto biblico di Sodoma e Gomorra da l’impressione simile a una serie di esplosioni nucleari.

  • In primo luogo, vediamo che le città sono investite da una deflagrazione consumante la cui esplosione somiglia allo zolfo.
  • In secondo luogo, leggiamo che le persone che si trovano nelle vicinanze dell’esplosione come la moglie di Lot vengono vetrificate o vaporizzate dalla contaminazione aerea mortale delle esplosioni.
  • In terzo luogo, la colonna di fumo che Abramo testimonia dopo le esplosioni è molto simile alla nuvola di un fungo di una bomba atomica.

Tuttavia, i testi mesopotamici come l’Epica di Erra e le lamentazioni di Sumer, molto più antiche di Sodoma e Gomorra di secoli, raccontano l’evento in modo molto più dettagliato.

Nella versione Sumero-Accadica non c’è spazio per il dubbio di quello che è successo e che sia stata un’esplosione nucleare di origine extraterrestre. 

Nell’Epica di Erra, sin dall’inizio, del primo millennio, in un testo babilonese racconta una storiella sumerica ancora più antica, incontriamo un feroce conflitto tra gli dei Enkiti del lignaggio di Marduk e gli dei guerrieri e spietati del consiglio di Anu (enliliti del lignaggio di Ninurta ndr).

Secondo l’interpretazione di Zecharia Sitchin, questo scontro divino avrebbe luogo intorno all’anno 2024 a.C. (Sitchin, 2010). I

L’esito della storia è molto apocalittico ed è molto simile all’evento che si è verificato nel racconto di Sodoma e Gomorra. Alla fine i nemici di Marduk cercano di privarli dei suoi amati territori e decidono di debellare certe città di Mardukite in Medio Oriente con armi proibite conosciute come i sebitti (Sebitti ndr) o i sette grandiosi.

Secondo lo stesso autore, i sebitti simboleggiano sette dispositivi nucleari devastanti (Sitchin, 2010). II

I sette terrificanti dispositivi furono chiamati,

  1. l’ineguagliabili
  2. la fiamma che brucia
  3. quello che si sgretola con paura
  4. il fonditore di montagne
  5. il vento che trova le estremità della terra
  6. l’insolente sopra e sotto
  7. rispettivamente il vaporizzatore del vivente

Quelle armi di distruzione di massa sarebbero presto state scatenate contro le città di Marduk nella grande antica guerra nucleare mesopotamica o nel fallimentare finale.

Le lamentazioni di Sumer, sono un gruppo di testi storici molto antichi che raccontano la desolata miserabile e straziante delle città nelle terre mesopotamiche attorno al 2000 a.C., descrivono gli effetti della distruzione ancora più dettagliata rispetto all’equivalente racconto biblico.

  • Innanzitutto, i Lamenti mostrano chiaramente che la distruzione non è avventa per una calamità naturale, bensì una grande tempesta decisa da Anu.
  • In secondo luogo, i testi indicano che la grande tempesta di Anu era il risultato della descrizione di un’enorme esplosione avvenuta per via di un malefico colpo, precursore di una tempesta maligna.
  • In terzo luogo, la pena crudele che Anu ha decretato è descritta come una tempesta che sfocia unendo un caldo scottante. Qui vediamo che la tempesta di Anu non si riferisce ad una tempesta meteorologica, ma piuttosto ad una colonna di fuoco che consuma tutto ciò che tocca.
  • Quarto, lo stesso fenomeno spaventoso non solo bruciò la terra ma anche privò la terra del sole splendente del giorno e rese invisibili le stelle della notte. Il fumo della tempesta di fuoco raggiunse il cielo e bloccò completamente la luce solare, qualcosa che non sarebbe avvenuto con una tempesta normale.
  • Quinto, nei giorni successivi un vento cattivo si è abbattuto sugli abitanti, ha fatto diventare pallidi i volti, gli ha fatti soffocare nel sangue e inquinata l’acqua dei fiumi, rendendola amara e mortale.
  • In sesto luogo, i testi raccontano che dopo la demolizione delle città i campi agricoli e le praterie erano contaminati e avevano erbacce cattive e piante avizzite.

Tutte queste descrizioni sono identiche agli effetti devastanti di un’esplosione atomica.

Alcune zone del Medio Oriente furono distrutte da armi atomiche di origine extraterrestre in una guerra brutale tra gli dei della fazione di Marduk e gli dei nemici della cricca del malvagio Anu.

Questa storia del conflitto nucleare tra le opposte fazioni extraterrestri intorno al momento della improvvisa scomparsa della civiltà sumerica sarebbe successivamente ritratta in forma del racconto biblico di Sodoma e Gomorra in cui il dio ebraico Yahweh avrebbe svolto il ruolo distruttivo di Anu, suo Precursore mesopotamico.

Ecco un estratto della letteratura dei Lamenti che descrive come le città sumere furono desolate dagli effetti delle esplosioni nucleari.

È una traduzione del celebre sumerologo Samuel Noah Kramer.

Sulla Terra cadde una calamità, sconosciuta all’uomo; una cosa che non è mai stata vista prima, una cosa a qui non si poteva resistere.

Una grande tempesta dal cielo. Una tempesta di annientamento. Un vento maligno, come un torrente impetuoso. Un’immane a tempesta unita a un caldo scottante.

Di giorno privò la Terra del sole luminoso, la sera le stelle non brillavano. La gente, terrorizzata, non poteva respirare; il vento malvagio li soffocava, non concede loro un altro giorno.

Le bocche erano bagnate di sangue, le teste perdevano sangue. Il viso è stato reso pallido dal Vento del Male. Ha causato la desolazione delle città e delle abitazioni; le stalle desolate prive di vita, gli ovili rimasero vuoti.

I fiumi della Sumeria defluivano con acqua amara; i campi coltivati crescevano erbacce, i suoi pascoli crescono di piante rinsecchite.

Lo spietato scoppio nucleare è stato ordinato da Anu, lo stesso essere degenerato che nella Bibbia avrebbe sopresso Sodoma e Gomorra per i loro peccati indicibili.

Gli anuisti erano grandi nemici di Marduk e quindi volevano portare rovina sul suo regno in Medio Oriente.

In quella fatidica giornata, hanno preso possesso delle sette armi terrificanti e hanno volato sopra le città Mardukite e le montagne circostanti. Una volta oltre i loro obiettivi, gli anuisti hanno lanciato i sette dispositivi nucleari e li hanno fatti detonati sulle regioni che in seguito sarebbero conosciute come Sodoma e Gomorra nella tradizione ebraica.

Quelle città leali a Marduk furono annientate dalla tempesta di fuoco e zolfo che avrebbe seguito le esplosioni tumultuose e molti dei loro disgraziati abitanti sarebbero stati consumati dalle fiamme mortali degli esplosioni fulminanti.

Un fumo scuro si levò in aria e il cielo annerì. Nei giorni seguenti un inverno nucleare ha bloccato la luce solare e di notte le stelle non sarebbero state più visibili.

Nei mesi successivi la caduta mortale radioattiva si diffuse in tutta la terra della Mesopotamia come un vento di morte raggiungendo a est anche le città degli dei Enkiti. Il vento radioattivo avrebbe avvelenato i residenti delle città nella desolazione più completa. Le persone caddero come mosche quando respirarono l’aria inquinata e bevendo l’acqua radioattiva.

La vegetazione dei campi appassiva e i raccolti non avrebbero dato più alcun frutto. Alla fine la distruzione senza precedenti inflitta dalla guerra nucleare mesopotamica ha portato alla improvvisa e misteriosa scomparsa della civiltà sumera.

Il conflitto divino tra i Mardukiti e gli Anuisti si era evoluto da una piccola rivalità familiare tra fratelli e cugini in una vera guerra.

La calamità che cadde sulla Mesopotamia era così grande che anche gli dèi di Sumer dovevano evacuarsi dalle loro amate città. Il vento cattivo si avvicinava alle regioni orientali e la radioattività avvelenò tutto ciò che si trovava nel suo avanzamento.

Le città sono diventate desolate …

Le lamentazioni raccontano che Enki e gli dei del suo lignaggio abbandonarono i loro santuari terrestri, si rifugiarono in montagna e alla fine fuggirono verso il cielo.

  • Così, tutti gli importanti dèi furono evacuati da Uruk, si tennero lontani da lei, si nascondevano in montagna, si accamparono nelle pianure lontane. (Lamenti di Uruk)
  • l padre Enki si allontanò dalla città come se fosse una città aliena. Per la sua città desolata, pianse le lacrime amare. La grande signora della città (Ninki), volando come un uccello, ha lasciato la città. (Lamenti di Eridú)

Qui vediamo che la caduta radioattiva ha colpito persino gli dèi.

Purtroppo, si sono trovati costretti ad abbandonare le loro dimore sulla terra per evitare il vento mortale. I nostri dèi Enkiti salivano sulle loro navette spaziali, volarono in alto nel cielo come gli uccelli e ritornarono nello spazio. Una completa evaquazione.

L’antica guerra nucleare avrebbe dato inizio di una nuova era nella storia del mondo.

Con i loro bastioni indeboliti in Mesopotamia, gli Enkiti finirono per perdere la loro egemonia in Medio Oriente e rinunciare per sempre al dominio degli Anuisti.

I nobili regni di Babilonia e Egitto si mantenevano fedeli al loro grande dio Marduk e rimasero come potenti bastioni della corrente spirituale Enkita per molti secoli.

Tuttavia, gli anuisti avevano già approfittato dell’occasione di stabilirsi sulla quella terra.

I seguaci di Anu hanno occupato molte regioni del Medio Oriente e sono riusciti a infiltrarsi in molti governi. Così fu l’inizio dell’età di Ares, un’era astrologica caratterizzata da conflitti, guerre e violenze.

Gli anuisti continueranno i loro attacchi feroci contro gli Enkiti e alla fine trionfarono nella battaglia sui nostri dèi. Un momento di tristezza e angoscia insopportabile per l’umanità era arrivato.

Alcuni dei nostri dèi furono catturati e annichiliti dai malvagi invasori anuisti.

Sono stati incastrati e imprigionati nelle prigioni buie nelle profondità di quello che è stato chiamato inferno. Purtroppo, diventarono prigionieri di guerra. Nelle loro infernali celle, i nostri dèi non avevano più la libertà di movimento a livello fisico, anche se erano ancora in grado di muoversi temporaneamente in altri luoghi nel loro corpo astrale.

Ricordiamo che le abilità psichiche degli dèi sono molto più sviluppate dei nostri.

Dopo la battaglia i nostri dèi furono portati nelle carceri degli Anuisti e lì i seguaci di Anu li avrebbero sfruttati trasferendo le loro energie al vortice energetico del loro signore il male Anu-Yahweh.

Da questo sorgerà l’idea degli angeli ribelli incappati nell’abisso infernale della letteratura apocalittica del Nuovo Testamento e del Giudaismo del Tempio del Secondo Tempio (Apocalisse 20: 2-3, Giudea 1: 6, 2 Pietro 2: 4 Enoch 10: 4-6, Enoch 10: 12-13).

Ricordiamo che nella letteratura religiosa dell’ebraismo monoteistico dell’epoca post-esilio, i grandi dèi della cultura politeista mesopotamica in cui gli ebrei si erano trovati durante l’esilio sono stati ingannati e trasformati in ‘demoni’ e ‘angeli caduti’.

Altri dei nostri dèi, il grande Enki incluso, riuscirono a fuggire per tempo fuggendo nello spazio. In quel momento di totale tristezza, i nostri dèi si vedevano costretti ad abbandonare l’orgoglio e ritirarsi dal nostro pianeta.

Si lasciarono la terra alle spalle e tornarono alla loro casa originale nella costellazione di Orione.

Il mondo è caduto negli artigli dei malvagi anuisti. Tuttavia, il ritiro degli Enkiti non significa che ci avrebbero abbandonati. Quello che hanno fatto in quel momento molto difficile è stato un ritiro tattico.

I nostri dèi sapevano che non avrebbero potuto vincere la guerra in quel momento poiché gli anuisti erano riusciti a diventare molto potenti dopo aver fatto deflagrare gli ordigni nucleari in Medio Oriente, e quindi, invece di essere catturati o massacrati sulla terra, hanno deciso di fuggire e di ritornare al loro pianeta d’origine per ripensare alla loro strategia e pianificare il loro contrattacco.

Un giorno i guerrieri Enkiti ritorneranno, un ritorno contro i malvagi anuisti e riprendere la terra.

Era molto doloroso quello che è successo ai nostri dèi quando furono catturati dagli anuisti e incastrati nell’abisso infernale. Tuttavia, secondo le memorie Enkite, negli ultimi anni tutti gli dei senza alcuna eccezione sono riusciti a scappare dalla schiavitù di Anu e riconquistare la loro libertà. III

Ora tutti i nostri dèi sono liberi e disposti a combattere nella guerra per il dominio della terra.

Ora torniamo all’età di Ares (intorno al 2150 a.C. – 1 a.C.).

Dopo aver indebolito gli dei Enkiti con la guerra nucleare, gli anuisti approfittarono dell’opportunità di infiltrarsi nelle nazioni della terra e di stabilire una linea di fedeli seguaci.

Il malvagio Anu avrebbe deciso di creare un popolo anuistico sulla terra in modo che in seguito avrebbe eseguito il suo intricato piano per dominare il mondo intero.

Anu stabilì il suo primo bastione della corrente anuista nelle terre della Palestina sulla costa levantina, tra i grandi regni Enkiti d’Egitto e Babilonia. La posizione del cuore del suo regno terrestre non era una coincidenza, poiché la missione del suo popolo sarebbe quella di infiltrarsi nei regni adiacenti Enkiti e corromperli dall’interno.

I popoli scelti di Anu sarebbero i semiti occidentali, quelli che poi sarebbero conosciuti come gli ebrei, gli israeliti.

L’origine del popolo ebraico

Gli ebrei sono delle genti enigmatiche. Anche la loro origine come nazione è avvolta nel mistero.

La bibbia ebraica, il sacro libro dell’ebraismo, afferma che il popolo ebraico ha le proprie radici nella discendenza di Abramo, il primo patriarca della razza ebraica presumibilmente eletto da Yahweh come padre del suo popolo scelto.

Secondo il racconto biblico, la scelta di Abramo avviene poco prima della distruzione di Sodoma e Gomorra, che avrebbe posto la data della sua nascita nei decenni finali del XX secolo a.C.

Alla fine Yahweh fa un patto con Abramo e gli promette che sarà il padre di una grande nazione messianica che regnerà in tutto il mondo.

Tuttavia, uno studio minuzioso della storia di Abramo rivelerà che il padre ben venerato del popolo ebraico non può essere stato una persona reale, ma piuttosto un patriarca fittizio.

Il progenitore ancestrale degli ebrei non esisteva realmente; l’Abrahamo biblico non è altro che un archetipo ebraico che il sacerdozio ebraico ha inventato nel primo millennio allo scopo di realizzare una storia ancestrale per i popoli dell’ebraismo.

La storia del popolo ebraico raccontata nella Bibbia non è altro che una truffa intricata il cui obiettivo è la giustificazione della loro nuova “teologia del popolo scelto”. Niente della loro storia è vera e la storia della loro origine è ancora minore.

Come possiamo sapere se il patriarca biblico Abramo non era mai stato una persona storica, ma in realtà un archetipo inventato in una data successiva?

La risposta è semplice per chiunque abbia una buona comprensione della storia antica. In primo luogo, i ricercatori della borghesia biblica moderna sono giunti alla conclusione che il Libro della Genesi è pieno di anacronismi.

Un anacronismo è un errore storico che consiste nella presentazione di qualcosa di appartenente a un tempo a cui non corrisponde veramente. Quello che è strano nel Libro della Genesi è l’assenza di un accurato riferimento a ciò che stava accadendo storicamente in Medio Oriente durante il secondo millennio (Grant, 1996). IV

La verità è che molti riferimenti storici e topografici nella Bibbia sono molto più appropriati nella metà del primo millennio, cosa che indica una data di redazione successiva e dimostra che la cosiddetta storia antica del popolo ebraico è infatti, nient’altro che un’invenzione tardiva del primo millennio.

Ad esempio, il narratore biblico della Genesi afferma che Abramo proveniva dalla città di Ur dei Caldei.

Tuttavia, il termine Ur dei Caldei era appropriato solo dal VII secolo a.C., dato che i Caldei sono emersi nella regione di Ur solo alla metà del primo millennio.

Nel tempo in cui doveva vivere Abrahamo, Ur era una regione abitata dai Sumeri (Grant, 1996). V

Secondo, molti storici moderni hanno osservato che non esistono registrazioni provenienti da fonti extra-bibliche che corroborano le presunte azioni del popolo israelitico nelle nazioni circostanti come l’Egitto (Romer, 1999). VI

Ciò suggerisce che le storie dei grandi patriarchi ebraici raccontati nella Bibbia non costituiscono la realtà della realtà, in realtà sono invenzioni tardive del sacerdozio ebraico il cui obiettivo era falsificare e far credere di maggiore antichità la storia ebraica.

Risulta che la storia di Abramo così come presentata nella Bibbia era falsa. L’ Abrahamo biblico non è altro che un archetipo fittizio ebraico e la storia della scelta di Abramo era in realtà un tentativo di fornire una spiegazione sull’origine del cosiddetto popolo scelto dal sacerdozio ebraico.

Se la storia di Abramo come il grande padre ancestrale del popolo ebraico è completamente fittizia, da dove è apparso quel misterioso popolo e come?

La storia della scelta di Abramo nella Bibbia è in realtà una favola fittizia che copre un evento veramente sinistro. In altre parole, si potrebbe dire che la storia della scelta di Abramo è un racconto allegorico che nasconde la scioccante verità sull’origine autentica del popolo ebraico.

A volte la verità è molto più fantastica di una finzione.

Gli Ebrei, quella misteriosa razza che infiltrò così tanti paesi stranieri ed era dietro le tre grandi religioni monoteistiche e molti movimenti mondiali, sono il popolo di Anu.

Sono il popolo scelto del loro dio settario; ma non sono il popolo scelto del dio dell’umanità.

Gli Ebrei furono scelti o piuttosto creati da Anu affinché assumessero una missione di dominio mondiale. Gli ebrei furono creati come una nazione di sospetti subordinati a Anu e per essere suoi rappresentanti sulla terra.

Ad un tempo non specificato dopo l’antica guerra nucleare, Anu stabilì il suo grande bastione della sua fazione nella regione di Palestina e fondò il suo culto, culto sotto lo pseudonimo semitico El.

Il suo culto si sarebbe sparso in tutte le regioni levantine e Anu-El sarebbe stato adorato come il dio principale dai popoli semitici occidentali come,

  • i Fenici
  • gli Amoriti
  • i Cananei

Nella religione semitica del secondo millennio, il culto di El fu caratterizzato da sacrifici umani e rituali di infanticidi (Olyan, 1988). VII

Lo stesso dio sanguinario e spietato sarebbe stato poi conosciuto dai Greci come Kronos (Smith, 2002). VIII

Lo stesso Kronos era conosciuto come Saturno nel mondo che parlava latino. Il culto saturo e perverso di Anu-El era già stato stabilito nelle varie regioni semitiche lungo la costa levantina. Nel frattempo, il malevole Anu-El ha formato il suo popolo scelto nella loro prima tappa tra i popoli semitici occidentali. I primi proto-ebrei sarebbero nati tra gli antichi popoli cananei. Sembrano simili ai loro vicini semitici levantini, ma il loro DNA sarebbe stato modificato dagli anuisti e sarebbero molto diversi dalle altre razze dell’umanità.Il popolo ebraico è stato creato dagli anuisti come una nuova razza e dentro di loro è stato impiantato il materiale genetico del loro dio Anu e anche quello di un’altra specie extraterrestre conosciuta come Dracos o Saurians. IX

Pertanto, gli ebrei si sarebbero manifestati con molti dei tratti perversi del loro creatore:

  • odio dai popoli Gentili o non-ebrei
  • collettivismo razziale
  • furbizia
  • inganno
  • un complesso di superiorità
  • delirio persecutorio
  • a moralismo
  • depravazione
  • complesso vittimistico
  • ipocrisia
  • materialismo
  • avidità
  • guerrafondaio
  • sete di sangue
  • una insaziabile sete di dominio

Alla fine, gli ebrei originali furono fatti con l’immagine e la somiglianza del loro degenerato dio Anu-El e così hanno ereditato molte delle sue caratteristiche psicologiche.

Il DNA del Dracos che è stato aggiunto ha dato al popolo ebraico una certa perversa, crudele e spietata mentalità. È per qualcosa che le élite s del rabbinate ebraico dicono che il sangue ebraico non è lo stesso del sangue Gentile e afferma che gli ebrei e i gentili sono due specie diverse.

Gli ebrei sono programmati geneticamente per servire Anu e sostenere la causa della loro razza in modo ultra collettivista.

Sin dall’inizio della loro storia, il popolo di Anu è stato esperto nell’infiltrazione di governi stranieri, sabotaggio e cospirazione. Le élite s della società hanno sempre operato attraverso confraternite ebraiche segregate e cospiratorie.

Non è noto con certezza quando la razza preferita di Anu è stata creata dagli dei della fazione anuista nella regione della Palestina, ma si può dedurre che tale avvenimento avvenne in un periodo compreso tra il 2000 e il 1800 a.C. 

La ragione per cui possiamo arrivare a tale conclusione è perché la misteriosa corsa dell’invasore conosciuta come gli Hyksos apparirà nella storia per la prima volta intorno all’anno 1800 a.C.

Gli Hyksos erano una razza sconosciuta di barbari guerrieri che improvvisamente apparvero dal nulla e cominciarono a combattere contro gli egiziani. Questa gente sanguinaria e crudele conquisterà sia il basso Egitto che l’Alto Egitto regnando sul paese da circa il 1720 fino al 1570 a.C.

Sei reverendi re di quella stessa tribù avrebbero dominato la terra dell’Egitto per due secoli, fino a quando la loro ultima dinastia è stata rovesciata dalla resistenza Tebana. Si sono diffuse diverse voci sull’origine degli Hyksos.

Alcuni dicevano che erano semiti mentre altri sostenevano che erano nomadi asiatici. C’era anche la voce che erano di radici greche!

Quello che c’è di certo è che anche la loro origine è avvolta nel mistero. Tuttavia, sappiamo che avevano nomi cananei, anche se poi avrebbero adottato pseudonimi egiziani. I cananei erano un popolo semitico occidentale stabilito nella regione della Palestina da cui gli ebrei avrebbero poi tracciato la loro cultura.

Contrariamente a quanto afferma la pseudo-storia ebraica, nel secondo millennio a.C., i Cananei e gli Ebrei erano identici, parlavano la stessa lingua e appartenevano alla stessa corrente culturale (Tubb, 1999, Smith, 2002). X, XI

Alla fine, gli Hyksos erano i semiti occidentali e i “Proto-Ebrei” creati da Anu-El all’inizio del secondo millennio a.C. e la loro missione era quella di infiltrarsi nei regni d’Egitto, un nobile bastione degli attuali Enkiti distruggendoli e corrompendoli dall’interno verso l’esterno.

Qui vediamo i primi segni del proto-sionismo anuistico nella storia del mondo.

Così è stato il modus operandi del popolo di Anu fin dall’inizio:

infiltrarsi in una terra straniera, assumere spesso le istituzioni del potere politico con mezzi surrettizi, corrompere la cultura e la civiltà Gentile e distruggere le nazioni dall’interno.

Il malevole Anu li ha programmati per essere così.

Il popolo di Anu ha sempre odiato i popoli di Enki come gli egiziani, i babilonesi e le altre nazioni gentili, dal momento che l’odio xenofobo è codificato nel loro DNA da Anu e registrato nella loro coscienza collettiva.

Quando il primo tentativo di far cadere la rovina sulla regione dell’Egitto non è riuscita e gli Hyksos o i “Proto-Ebrei” sono stati espulsi dal paese dopo due secoli di dominio, Anu ha disegnato un nuovo piano d’azione.

Intorno al 14° secolo a.C. il famigerato faraone Akhenaton fece la sua comparsa nella storia e cercava di sopprimere il tradizionale politeismo egiziano e sostituire il culto di Amon-Ra (Marduk) con un culto ad una sola divinità solare chiamata atonismo.

Akhenaton era un ibrido Draco-Human, vero rettiliano, assunto da Anu. XII

Durante il suo regno Akhenaton sarebbe diventato sempre più fanatico.

Ha proclamato che Aton non era solo il dio supremo ma anche l’unico dio e si è dichiarato l’unico mediatore tra il popolo e l’unico vero dio. Poi Akhenaton ordinò il vandalismo dei templi di Amon-Ra, proibì le immagini delle divinità egiziane tradizionali e cancellò tutti i riferimenti a una pluralità di dei nelle iscrizioni del suo tempo.

Chi ti ricorda il comportamento intollerante di quel “faraone” tirannico

monoteista? Le azioni di Akhenaton sono firmate da Anu e sono precedenti di ciò che accadrà più tardi in Palestina sotto il sacerdozio ebraico.

Akhenaton era un inganno anuistico di sangue draconiano che cercava di corrompere la corrente spirituale del grande bastione Enkita dell’Egitto. Fortunatamente le sue cosiddette “riforme” monoteistiche sarebbero appena durate 20 anni e il culto di Amon-Ra sarebbe stato ripristinato a Tebe da Tutankhamon.

Quindi il secondo tentativo del popolo di Anu sarebbe fallito grazie al grande spirito di resistenza del popolo egiziano.

Più tardi, all’inizio del primo millennio, le stesse persone di Anu cominciarono a dividersi dal popolo cananeo a cui appartenevano prima, per formare un nuovo movimento ignominioso.

Questa volta si sarebbero chiamati Ebrei e sarebbero diventati acerrimi nemici con i loro cugini semantici levantini che non simpatizzavano con loro come i Moabiti, i Filistei e persino con i Canaaniti.

La storia del presunto Esodo fuori dall’Egitto è pura finzione.

Nulla di ciò che viene detto nella storia di Mosè è veramente avvenuto. Come molti anedoti del Pentateuco, la storia dell’Esodo è ricca di anacronismi e tutte le testimonianze archeologiche per quanto riguarda l’argomento si sono rivelate negative nonostante più di un secolo di ricerca archeologica ed egittologi-ca (Meyers, 2005 ). XIII

Alla fine, la storia dell’Esodo non era un fatto, ma piuttosto un racconto pseudo-storico della propaganda anti-egiziana fabbricata dalle élite del sacerdozio ebraico anuista.

Gli obiettivi principali di questa ignota bugia biblica erano la calunnia dei principali nemici del popolo di Anu e la giustificazione degli Ebrei come popolo scelto da ‘dio’. In realtà gli Ebrei si separarono dalla cultura cananea all’inizio del primo millennio e alcuni secoli dopo il loro sacerdozio inventava il monoteismo radicale jehovitico.

Questa volta il monoteismo di Anu si è radicato con grande successo.

I semi della religione ingannevole di Anu erano già stati seminati nella terra di Palestina. Il presunto sacro libro della pseudo-storia del popolo ebraico sarebbe stato fabbricato intorno al 550 a.C. e il culto di Yahweh, il nuovo epitoma ebraico di Anu-El, sarebbe stato stabilito nella capitale ebraica di Gerusalemme.

Il nuovo monoteismo del popolo ebraico sarebbe diventato sempre più violento e tutte le nazioni confinanti che si rifiutarono di accettare il dio ebraico Yahweh-El-Anu sarebbero state disprezzate e demonizzate dal sacerdozio di Anu.

Gli ebrei avrebbero sempre implorato gli dei Enkiti del regno di Babilonia nei loro scritti calunniosi e avrebbero proposto il genocidio di tutti i popoli politeisti attorno a loro. L’ebraismo è stato una religione terribile, brutale, guerriera e degenerata fin dall’inizio.

Pertanto, le nazioni più gentili civilizzate erano in grado di vedere attraverso la perversa follia dell’ebraismo per quello che era.

L’élite del sacerdozio di Anu avrebbe nuovamente cospirato per diffondere la loro illusoria corrente anuistica tra i popoli Gentili.

Nel primo secolo d.C. il regno di Babilonia era già caduto e la terra di Israele era già stata sottoposta all’impero romano. Anche l’influenza greca era molto presente nelle regioni del Levante. L’esercito ebraico era già indebolito e il paese era all’orlo della sua scomparsa.

Già abituato ad infiltrare le nazioni straniere e parassitarle dall’interno, l’élite del popolo di Anu avrebbe inventato un enorme e sinistro complotto per dominare le grandi nazioni gentili.

Un ennesimo fariseo ebraico con cittadinanza romana conosciuto come Paolo di Tarsus apparirà in Palestina alla metà del I secolo e affermerebbe di aver ricevuto una visione profetica da un certo Gesù di Nazareth sulla strada per Damasco.

Questo cosiddetto apostolo dei Gentili che non aveva mai conosciuto il mitico Nazareno in persona affermò di essere un messaggero della verità e fondò una nuova setta ebraica orientata verso i Gentili.

Quella nuova setta sarebbe poi stata conosciuta come cristianesimo.

È interessante notare che il presunto grande eroe della cristianità, l’apostolo Paolo, era un discepolo diretto e dipendente di un certo Gamaliel, uno dei membri più alti dell’infame Gran Sinedrio, l’assemblea della élite ebraica nell’antico Israele.

È anche interessante notare che anche dopo la creazione della nuova setta cristiana, Paolo di Tarso ha continuato a praticare l’ebraismo dei suoi antenati.

Se posso lasciare la diplomazia da un lato e dire la verità esattamente come è, posso solo dire che Paolo di Tarsus, il fariseo ebreo, è stato un ingannevole ingannatore dei popoli Gentili, un venditore di menzogne, un lupo in un gregge di pecore e un impiegato dei cospiratori ebrei proto-sionisti del Sinedrio.

Era una creazione animale di Anu e della sua cricca contorta.

I bizzarri insegnamenti della sua nuova setta sarebbero stati puro avvelenamento per le sue vittime Gentili.

In primo luogo, l’insegnamento di una filosofia anti-vita e autodistruttiva di,

  • pacifismo totale
  • indebito altruismo
  • obbedienza cieca
  • oscurantismo
  • abnegazione dell’Io
  • amore per i nemici e anche per coloro che ci opprimono
  • la rinuncia a qualunque tipo di conoscenza spirituale ancestrale
  • la strana umiliazione di sé come un perduto peccatore
  • una preoccupazione malsana di colpa e di vergogna
  • dipendenza fatalistica
  • una paura irrazionale nei confronti di altri concetti come il diavolo, l’inferno e il giudizio finale.

Il cristianesimo finisce per trasformare milioni di Gentili in schiavi docili e sottomessi senza spirito di combattimento e facile da dominare.

  • In secondo luogo, l’espansione della teologia monoteista giudeo-cristiana esporterebbe il culto di Yahweh (El, Anu, Kronos, Saturno) a tutte le nazioni europee e quindi un numero innumerevole di Gentili cadrebbero sotto il dominio del dio degli ebrei.
    • Giudaismo 2.0 presumibilmente dallo stesso Nazareno e solo per i Gentili.

E chi era il cosiddetto Messia e salvatore dell’umanità introdotto da Paolo il fariseo?

Il mitico biblico Nazareno conosciuto come Gesù e più tardi come Gesù Cristo non era altro che un carattere fittizio. Proprio come Abramo e Mosè, Gesù era puramente un archetipo ebraico inventato dai cospiratori anuisti.

Il salvatore universale dell’umanità sarebbe solo una forma di pensiero ingannevole di Anu.

In termini esoterici, una forma pensiero è un’entità irreale, illusoria e fantasmagorica proiettata dalla mente di un mago e dotata anche di una consistenza fisica e di una propria personalità. In altre parole, è un’apparizione programmata creata attraverso l’energia magica.

Il concetto forme di pensiero è molto antico e risale all’antico Oriente, dove era noto come Tulpa in tibetano e Nirmita in sanscrito.

Gli anuisti mantengono tutto il mondo nell’inganno e si impadroniscono dell’energia spirituale dei loro ingenui seguaci religiosi attraverso le loro forme di pensiero, come il fittizio Gesù Cristo. Ogni volta che un cristiano prega il Nazareno l’energia spirituale delle sue preghiere viene inghiottita dal vortice energetico di Anu e la magia nera degli Anuisti viene rafforzata. Gli anuisti si nutrono di quella energia a livello spirituale.

Molti iniziati ebrei e seguaci del sionismo fingono di avere un’avversione per Gesù Cristo come eretico e traditore dell’ebraismo; tuttavia, tutto questo è solo un atto di teatrale…

Sanno che il Nazareno adorato dai cristiani non è altro che un fittizio archetipo e comprendono che il presunto Messia dei Gentili è infatti una forma di pensiero con cui possono assumere le menti dei loro nemici cristiani.

L’ostilità che essi mostrano verso la propria forma di pensiero non è altro che un modo per suscitare conflitti tra i popoli e confonderli ancora di più.

Tornando all’argomento principale, nei secoli successivi la nuova setta cristiana, costruita dalla élite dell’ebraismo anuista e venduta ai gentili ingenui dal fariseo ebraico Paolo di Tarso, si è diffusa in tutto il mondo mediterraneo. All’inizio fu respinto dalla maggioranza dei Gentili nelle grandi nazioni europee ed era persino perseguitato nei territori dell’Impero Romano.

Tuttavia, nel quarto secolo, i cattivi anuisti hanno fatto un accordo con l’élite dell’Impero (o forse lo Stato romano era già caduto sotto il controllo degli Anuisti da molto tempo) e seguente-mente gli imperatori hanno imposto la religione di Anu come culto ufficiale dello Stato.

Da allora gli Anuisti avrebbero stabilito un potente secondo bastione a Roma:

Più o meno nello stesso tempo, gli anuisti avrebbero trovato una terza religione monoteista dogmatica ed intollerante nelle terre degli arabi:

  • Islam.

Anu ha inviato lo stesso arcangelo Gabriele, un ingrato extraterrestre della fazione anuista conosciuto come Jibril in arabo, in modo che avrebbe rivelato a Mohammad la nuova “verità” di “dio” creando una nuova religione abrahamica … L’Islam abbraccia l’insegnamento della “guerra santa” contro gli “infedeli” e gli arabi convertiti avrebbero brandito le loro spade per distruggono tutti i popoli che si rifiutarono di credere nella nuova religione di Anu.

Gli Anuisti avevano creato una nuova cultura di potenti guerrieri disposti a combattere per la loro causa.

Nel frattempo, in Europa il Papato dell’anuista Vaticano distrugge tutte le tradizioni spirituali ancestrali dei popoli Gentili e annienta tutti i ribelli attraverso la loro perversa e malvagia inquisizione.

Alla fine gli ebrei iniziati, il popolo di Anu, infiltreranno molte organizzazioni europee che fingono la loro conversione al cattolicesimo.

Il Vaticano è sempre stato un’organizzazione misteriosa con legami con le società segrete dell’occultismo ebraico. In poche parole, gli ebrei anuisti hanno sottomesso (o in questo caso sub-ebrei) le nazioni europee con il loro sanguigno cavallo sionista conosciuto come cristianesimo e distrutto le culture ancestrali del Medio Oriente per mezzo della loro arma chiamata islamismo.

Il popolo di Anu riuscì a monopolizzare il potere politico e intellettuale sul Vecchio Mondo (Europa) attraverso la loro religione cattolica. Tuttavia, questo significa che non li servirà per sempre. La strategia degli anuisti è sempre in evoluzione e si adatta alle circostanze dell’epoca.

Nei tempi moderni le genti di Anu avrebbero tracciato i loro intenti per un nuovo progetto segreto per espandere il loro monopolio sul potere e comprimendolo per infiltrarsi nei governi del Nuovo Mondo (Americhe) attraverso diverse società segrete.

La fase successiva e finale della loro cospirazione millenaria sarebbe l’infame Nuovo Ordine Mondiale.

Il Nuovo Ordine Mondiale è composto da una rete di occulte confraternite dirette dai discendenti della stessa linea antisemitica creata in Palestina quasi quattro millenni fa.

I cosiddetti Illuminati del presente sono i figli del millenario sionismo.

Contrariamente a alcuni miti popolari che suppongono che gli Illuminati siano seguaci del Satana biblico, un semplice personaggio fittizio inventato per seminare i semi della paura e della paranoia, le élite dell’Ordine degli Illuminati sono veramente ebrei sionisti fedeli a Yahweh (Anu, El, Saturno) e il Nuovo Ordine Mondiale è l’eredità che il loro dio malvagio ha promesso per loro nel momento della loro elezione.

È curioso che nella Bibbia Yahweh promette al fittizio archetipo ebraico Abrahamo che lo farà padre di molte nazioni grandi e poi i profeti ebrei profetizzeranno che il popolo d’Israele erediterà il mondo intero e regnerà su tutte le nazioni.

In realtà, la Bibbia ebraica non è altro che un progetto codificato del sionismo per gli ebrei iniziati e un mezzo di inganno per mantenere i non iniziati schiavi.

Quello che è certo, è che il Nuovo Ordine Mondiale appartiene a Yahweh e al suo popolo eluso scelto da Ebrei ... 

conclusioni

La storia della distruzione di Sodoma e Gomorra nella Bibbia ebraica è una rifusione tardiva di un gruppo di antichi racconti storici mesopotamici che comprendono l’Epica di Erra babilonese e le lamentazioni di Sumer.

I testi originali raccontano un feroce conflitto tra gli dei che successivamente poi testimoniano una grande catastrofe che avrebbe portato all’improvviso la scomparsa della civiltà sumera costringendo gli dèi Enkiti ad esiliarsi dalla terra.

Il conflitto devastante raccontato nei testi antichi era infatti un’antica guerra nucleare che scoppiava tra due opposte fazioni avanzate di extraterrestri.

Gli Anuisti avrebbero ricorso alle armi atomiche di distruzione di massa per sconfiggere gli Enkiti e a farli ritirare dalla terra.

Il “vento cattivo”, un antico riferimento alla caduta radioattiva causato dalle bombe atomiche, avrebbe desolato le città dei nostri dei e indebolendo il loro dominio sulla regione mesopotamica.

Immediatamente gli extraterrestri della fazione di Anu avrebbero invaso la terra assumendo alcune aree del pianeta. Avrebbero combattuto spietatamente con gli Enkiti e seminano il caos in Medio Oriente.

Anu stabilirà il bastone del suo culto anuistico nella regione di Palestina sotto lo pseudonimo semitico El. Nel frattempo, i suoi potenti alleati spirituali con gli infami Dracos schiacciarono la resistenza Enkita prendendo molti dei nostri dèi come prigionieri.

Da lì nasce l’idea degli angeli ribelli caduti nell’abisso dell’inferno nella letteratura apocalittica del giudaismo nel periodo del secondo tempio e successivamente nel Nuovo Testamento. Fortunatamente altri nostri dèi, inclusi Enki, nel tempo riuscirono a fuggire e si ritirarono dalla terra tornando in casa nella costellazione di Orione per preparare la loro futura rivalsa.

La storia di Abramo nella Genesi non è altro che una ritardata cronaca pseudo-storica il cui scopo è stata la giustificazione degli ebrei come popolo scelto da ‘dio’.

Abramo è un nome archetipo di carattere fittizio e il resoconto della sua elezione è un’allegoria che nasconde un evento veramente sinistro.

In realtà Yahweh (Anu) non scelse alcun Abramo; ha creato una nuova razza ibrida in Palestina attraverso l’ingegneria genetica sulla base del proprio materiale genetico e quello dei Dracos in modo che essi sarebbero stati il suo popolo scelto.

Ha affidato al suo popolo una missione speciale:

la distruzione sistematica di tutte le civiltà enkite gentili e la dominazione sul mondo = sionismo.

Da questa nuova razza anuista apparirà l’enigmatico Hyksos intorno al 1800 a.C. e avrebbero cercato di rovinare il regno Enkita d’Egitto.

Il “faraone” Akhenaton anuista sarebbe venuto sulla scena e cercare di corrompere la religione egizia ancestrale per sostituirla con la spazzatura di Anu. Ma, l’Egitto rimase forte.

Più tardi all’inizio del primo millennio a.C. il medesimo lignaggio anuista si organizzò nuovamente a formare il popolo ebraico, il popolo “scelto” e gli ebrei avrebbero combattuto con tutte le nazioni politeiste vicine.

Nel 1° secolo a,C. l’élite del popolo di Anu avrebbe inventato la trama più complessa della storia.

Una grande minaccia
(Agenda 21)  

Avrebbero creato altre due religioni basate sul loro ebraismo monoteistico, due culti ebrei molto velenosi e autodistruttivi, per venderlo ai Gentili in Europa e Medio Oriente. Questo sarebbe stato il cavallo di Troia ebraico.

Il cristianesimo ebraico sarebbe stato stabilito in Europa e l’islamismo ebraico avrebbe stato assunto dalle menti del popolo arabo. Allora gli ebrei sionisti, gli ultimi burattinai, avrebbero infiltrato le società cristiane straniere e alla fine hanno espanso il loro dominio sui popoli gentili.

Negli ultimi tempi le stesse persone avrebbero assunto molti dei governi del mondo con l’aiuto del loro malvagio dio Anu-Yahweh e stabilirono il loro nuovo ordine mondiale.

Ora i seguaci di Anu sono i più potenti, hanno quasi il monopolio sul potere politico del mondo e gestiscono gran parte della ricchezza.

Ora i sionisti anuisti godono della promessa che il loro demonio del dio Anu-Yahweh ha fatto al padre archetipo ebraico Abramo e ai profeti della Bibbia:

egli consegna loro il potere su tutte le nazioni e li rende i padroni di tutto il mondo.

Alla fine, la Bibbia giudeo-cristiana è in realtà un segreto nascosto per il millennio sionista.

Il sionismo ebraico è sponsorizzato da Anu-Yahweh, che ha reso schiava l’umanità asservendola e rendendo nemico il cosmico Enki.

Riferimenti

I. Sitchin, Z. (2010) Ci sono stati giganti sulla terra: dèi, semi dei e ancestrali umani: l’evidenza del DNA straniero – New York (p. 287)

II. Sitchin, Z. (2010) Ci sono stati Giants sulla Terra: Dei, Semidei e Umani Ancestrali: L’Evidenza del DNA Alieno – New York (p. 288)

III.  http://www.loveenki.com/enki_gb/enki-and-his-human-children-lets-sum-up-the-situation/

IV. Grant, M. (1996) La storia dell’antica Israele. (p.30)

V. rant, M. (1996) La storia dell’antica Israele. (pagina 32)

VI. Romer, J. (1999) Testamento. (pp. 57-58)

VII. Olyan, SM (1988) Asherah e il culto di Yahweh in Israele. (pp. 62-68)

VIII. Smith, MS (2002) La storia antica di Dio – Yahweh e le altre divinità in Israele antico – Michigan (pp. 172-173)

IX. http://www.loveenki.com/enki/2012/07/abraham-imposture-de-lhistoire-les-kashars-imposture-du-moment-dieu-sobek-anu-et-sa-premiere-visite/

X. Tubb, JN (1998) Canaaniti: Popoli del passato. (pp. 107-116)

XI. Smith, MS (2002) La storia antica di Dio – Yahweh e le altre divinità in Israele antico – Michigan (pp. 6-9)

XII. http://www.loveenki.com/enki_gb/the-god-seth-from-love-to-fury-or-from-suty-to-typhon-anu-the-children-and-the-black-magic-the-Hyksos /

XIII. Meyers, C. (2005) Esodo. Cambridge (pp. 5-7)

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Nin.Gish.Zid.Da

Articoli correlati:

L’IRA DI “ERRA”

le armi degli dèi

Spazio Porto Nel Sinai al tempo degli dèi

SINOSSI DELLA XIII° TAVOLETTA

Ma anche le civiltà dell’Indo riportano le stesse vicende catastrofiche

Mohenjo-Daro: 2000 A.C. Distruzione Atomica

L’Astra Brahmashirsha il gigantesco messaggero di morte

Mohenjo-Daro “Il luogo della morte”

Le guerre dell’antico passato – storia ignorata

“Le Sette città Rishi”

L’incendio più devastante della nostra storia

This aerial image shows a neighborhood that was destroyed by a wildfire in Santa Rosa, Calif., Tuesday, Oct. 10, 2017. Newly homeless residents of California wine country took stock of their shattered lives Tuesday, a day after deadly wildfires destroyed homes and businesses. (Nick Giblin/DroneBase via AP)

LA GEOINGEGNERIA ALIMENTA LE TEMPESTE DI FUOCO CATASTROFICHE IN CALIFORNIA 

Decine di morti e centinaia di dispersi in California. “Incendio più devastante della nostra storia” Lo sceriffo di Sonoma Rob Giordano ha parlato di 1.100 dispersi: “All’incirca 750 dovrebbero essere in salvo, ma di altri 400 circa non sappiamo ancora nulla”. VEDI QUI

Di DaneWigington TraduzioneNogeoingegneria

Tutte le fonti ufficiali  accusano il Global Warming come causa scatenante degli incendi estremi e mortali in escandescenza, ma è questa la  verità completa? (ndr Wiginton non dubita del GW come problema, ma vede una correlazioni con le manipolazioni atmosferiche in atto)

Cosa non dicono le “fonti ufficiali” sugli  incendi sempre più distruttivi?

Che sono le  operazioni illegali e globali di ingegneria clima / SRM un fattore causale primario che sta alimentando incendi catastrofici in tutto il mondo.

L’ Ingegneria del clima sta interrompendo completamente il ciclo idrologico, sta  innescando fulmini secchi, sta  distruggendo lo strato di ozono, contaminando suoli, e copre tutto al piano terra con una polvere incendiaria dovuta alle ricadute dei programmi atmosferici di dispersione. Il nuovo video di 10 minuti in seguito approfondisce l’effetto diretto che le operazioni di Geoingegneria stanno per avere sugli incendi boschivi, il loro comportamento e la loro frequenza.

L’animazione satellitare è stata registrato(a) l’11 ottobre, ed è importante esaminarla con attenzione. Anomali venti estremi in contro-direzione sopra il cuore degli incendi possono essere un importante fattore nello svolgersi di questo cataclisma di fuoco . Tutte le fonti ufficiali continuano ad ignorare e omettere qualsiasi discussione delle operazioni di ingegneria del clima in corso e illegali.

Le atrocità della ingegneria del clima sono un fattore primario nella equazione degli  esponenzialmente crescenti incendi boschivi e l’intensità del fuoco.

FONTE http://www.geoengineeringwatch.org/geoengineering-is-fueling-firestorm-catastrophes/

VEDI ANCHE

LaGeoingegneria all’origine del caos climatico e della catastrofe planetaria

Imponentedocumento del Senato USA sulla Modificazione Climatica in atto

Gliaerosol artificiali causano cambiamenti nei modelli globali delle piogge

Lealterazioni atmosferiche all’origine del clima estremo

Groenlandia,brucia tutto anche lì: fiamme fino a 150 km dal Circolo polare artico 

FOTO

 Fonte: http://www.nogeoingegneria.com

False Bandiere e violenza reale

Il fallimento delle false bandiere

(seconda parte)

Come con le false bandiere, anche i tentativi falliti sono altrettanto preziosi per stabilire la realtà di questi eventi messi in scena.

Il tentativo dell’assassinio di Reagan e il colpo di stato in Ucraina sono entrambi eccellenti esempi. Il tentativo dell’Ucraina è stato un fallimento, visto che l’obiettivo primario era l’Ucraina orientale (preziosi terreni agricoli), tra cui la Crimea (dove la più grande base navale della Russia si trova a Sebastopoli).

Il bomber di scarpe, e il bomber della biancheria intima (in cui abbiamo una testimonianza esperta, dell’avvocato Kurt Haskell, che ha esposto questa frode) sono due altri esempi recenti.

Questa è un’area che necessita di una ricerca più profonda. I tentativi falliti saranno più facilmente dimenticati, segnalati o non riportati.

Terrorismo reale / Morte vera

Un certo terrorismo è organico, il che significa che non è stato sponsorizzato o creato e controllato dal globalista.

Alcune false bandiere hanno reali vittime. Il perché alcune false bandiere non sembrano avere vere vittime, per definizione significa che non esiste alcuna prova diretta verificabile di morti reali. È importante indagare su quei casi di terrorismo reale e di morti reali da confrontare con gli eventi completamente bloccati.

Fornendo così una linea di base per confrontare gli eventi verificabili conosciuti contro eventi sospetti.

Un esempio eccellente è il massacro della Scuola di Beslan del 2004 in cui i terroristi ceceni hanno preso una scuola elementare con 1000 ostaggi e 300 morti. Poiché questo è successo nell’arco di 3 giorni, c’è molta documentazione di video e immagini di come la tragedia si è svolta.

Il breve video qui sotto è un’ampia prova di ciò che la violenza REALE, l’eroismo, il sangue, l’angoscia e la morte sembrano.

(Guarda il Video QUI)

Anatomia di una falsa bandiera

Analizzando le false flag in diversi componenti, non solo possiamo capire meglio come funzionano, ma perché vengono utilizzati.

Inoltre, ciò facendo sarà dimostrato che le impronte digitali delle false bandiere  mostrano chiaramente un piano più ampio. La falsa bandiera utilizza un piano di azione standard, simile a un piano aziendale o un piano di battaglia.

Lo scopo è quello di esplorare pienamente la scrittura di tutti gli elementi dell’evento. Di seguito è riportato un elenco dei diversi elementi che compongono il piano che sarà seguito da una ripartizione per ciascuna sezione.

Il piano degli eventi per sezioni:

  • Obbiettivo
  • Messa a fuoco
  • Tipo di evento
  • Evento principale
  • Appuntamento
  • Luogo
  • I partecipanti
  • Perpetratore/autore
  • Vittime)
  • Esecuzione di eventi
  • Piani di backup
  • Narrativa ufficiale
  • Copertura

L’obbiettivo

La falsa bandiera inizia con un obiettivo, uno scopo, una ragione per essere.

A volte lo scopo è singolare, ma molte volte ci sono molteplici scopi (che è un segno di avvertimento della pianificazione avanzata e quindi ulteriori prove che un evento particolare è una falsa bandiera).

L’obiettivo primario; eliminare un avversario, oltre ad un programma specifico (controllo delle armi), o giustificare la guerra. Gli eventi più sofisticati sembrano avere sempre obiettivi multipli, o obiettivi secondari.

Gli obiettivi secondari tendono ad essere più psicologici, morbidi e sottili. Queste potrebbero includere la creazione di risposte emotive specifiche, come la paura, la rabbia, l’apatia. In particolare, potrebbe essere scelto un omicidio pubblico per inviare un messaggio, un avvertimento. Quale era il caso negli anni ’60 con JFK, MLK e RFK.

Un altro obiettivo di questi tre assassini dei 60 è stata la guerra del Vietnam, un filo forte che collega i tre omicidi insieme ai responsabili.

Un altro sotto obiettivo potrebbe essere quello di creare una risposta di rabbia, accoppiata da un qualche patriottismo per manipolare la gente nell’accettare la guerra.

Il recente evento di venerdì 13 a Parigi sembra avere almeno 5 obiettivi:

  • giustificare i partecipanti francesi alla guerra per procura in Siria
  • la lista dei diritti di privacy / libertà dei popoli francesi
  • eventuale chiusura di tutti i confini europei
  • impedire eventuali proteste al vertice climatico di Parigi
  • creare sentimenti anti-musulmani, anti-immigrati

Progettazione a lungo termine …

Molti degli ultimi eventi ripresi in massa negli Stati Uniti hanno almeno due obiettivi:

  • ulteriore controllo sul programma delle armi
  • suscitare discordie tra persone di razze diverse e / o religioni

Messa a fuoco

Il focus di un evento è quello che i progettisti desiderano concentrare all’attenzione del pubblico.

Questo non  necessariamente è l’evento stesso. Può essere una vittima, l’autore del reato o altri elementi.

Per il 9/11 il focus dell’evento era il terrorismo, quindi “Osama bin Laden“. Era il cattivo. Era il motivo per cui «o sei con noi o con il terrorista».

Era lo spauracchio di uomo che doveva essere trovato e ucciso. Egli è ciò che giustifica invadere l’Afghanistan, e ottenere quei campi di papavero che nuovamente dovevano ancora produrre. Il passo successivo è toccato a Saddam Hussein, con l’invasione dell’Iraq.

Con gli ultimi sparatori in America è diventato dolorosamente ovvio che il focus degli eventi sta spingendo l’agenda sul controllo delle armi.

Un’altra parte del focus è il pubblico primario o il destinato? Nell’assassinio di JFK l’audience principale non era il popolo americano in sé per sé, ma erano i politici e quelli direttamente coinvolti nella governance. Sia a livello nazionale che internazionale.

Questo è stato un messaggio per gli addetti ai lavori …

  • “Questo è ciò che faremo a coloro che si oppongono”.

Il 9/11 il pubblico di riferimento era il popolo americano.

Tipo di evento

L’importanza del tipo di evento non può essere sottovalutata.

Il livello più semplice che il tipo di evento determina è come viene raggiunto l’obiettivo. Se si tratta di uccidere, sarà un “incidente”, un suicidio (ed), un assassinio, ecc.

Un’altra decisione importante è che l’operazione verrà effettuata in un evento reale pianificato o l’operazione sarà creata da zero? Un’altra decisione critica è determinare il livello di coinvolgimento per il Principale Evento.

Il livello di coinvolgimento definisce chi sono gli attori e se ci saranno ignoti partecipanti; le vittime, le persone entrate nella storia a causa delle circostanze create e degli astanti.

Il livello di coinvolgimento può essere semplice come il perpetratore e la vittima, o un attore con i restanti partecipanti inconsapevoli, o falsamente creato l’intero evento. Quindi il livello di coinvolgimento è su un continuum dal minimo (un attore) al massimo (tutti gli attori).

Dalla partecipazione del cattivo (Hinkley, Sirhan Sirhan), per presentare (Oswald, James Holmes, fratelli di Tsarnaev) a l’inesistente (Adam Lanza).

Dalle vittime vere (morti reali), a false morti (attori), tutte fabbricate. È importante evitare l’estereotipizzazione che una falsa bandiera segue solo un formato specifico.

Una buona analogia potrebbero essere i vari tipi di film, essendo loro illusioni reali. Il vecchio film d’azione scolastica in cui tutti i colpi sono fatti con persone reali, in un ambiente reale, con veri e propri oggetti. Allora abbiamo lo scenario comune in cui c’è un mix di azione reale / live e CG. Poi il film in cui tutti i colpi e gli stordimenti speciali sono CG.

E infine il film completo o animazione. Tutti questi tipi di film sono reali. Ognuno di loro ha richiesto persone reali a lavorare su di loro, crearle e produrle. E tutti questi film sono illusioni.

Sono opere di finzione. Sono creazioni deliberate; prodotte, pianificate, dirette e agite per essere registrate (filmate) e distribuite per essere visualizzate. Intrattenere e addestrare (i filmati sono strumenti potenti per il controllo sociale) e naturalmente per fare soldi. Non posso fare a meno di pensare al film “Wag the Dog”.

Le false bandiere sono fondamentalmente le stesse. Sia che ci sia un attore o molti.

Che ci siano morti reali o falsi. O se l’intera false flag sia solo la notizia stessa (della narrativa ufficiale). Ogni tipo di illusione creata è reale. Sono anche assolutamente utilizzati per il controllo sociale, in realtà questo è veramente il loro scopo primario.

Problema-Reazione-Soluzione. Con l’obiettivo di manipolare la maggioranza della popolazione con una soluzione e così controllarla. Come nei film, la false flag sono una produzione deliberatamente pianificata e realizzata. È un’illusione reale.

Un miglior confronto potrebbe essere quello che si svolge sulla scena, dal momento che la “performance” viene eseguita in diretta, in posizione, con un pubblico reale.

Alla fine ci si avvicina alla domanda di “Che cosa è reale?” Può essere semplicemente una questione di prospettiva.

Guardalo da un punto di vista dell’incidente. L’incidente può essere un errore o  “deliberato”. Un classico e diciamo esempio innocuo è dall’icona del ‘film di Natale’. Dove la moglie “accidentalmente” bussa e rompe una lampada dal piedino sexy. Naturalmente il padre sospetta che non sia stato un incidente. Ma lei fece la faccia innocente. Potresti aver assistito ad un incidente deliberato e, a seconda delle circostanze e dell’abilità del perpetratore, che giurando dice essere stato un errore.

Ancora una volta, l’evento è veramente avvenuto, sei stato un testimone oculare. Quindi era “reale”, ma non era un errore, era un’illusione deliberata. E in realtà si potrebbe essere selezionati in modo specifico per assistere all’evento come prova che è stato un errore poiché la maggior parte delle persone si fidano del tuo giudizio e opinione.

Questo ci porta la questione più profonda di questo progetto.

Possiamo dire che molte delle false bandiere siano collegate. Che c’è un gioco segreto e ingannevole molto profondo che vince per il potere e il controllo del mondo. È questo profondo gioco ingannevole che rende difficile analizzare le false bandiere.

Condotta ed errata confusione, disinformazione utilizzata per oscurare ciò che è veramente accaduto.

Evento principale

Il focus di questo articolo è sul piano globale di un evento di false-flag.

Dall’obiettivo, alla pianificazione iniziale, fino alla copertura. Ma normalmente quando qualcuno si riferisce a una falsa bandiera si riferisce al Main Event (Principale Evento); l’eroe girato, in Act tre … il climax.

Il punto cruciale della pianificazione sarà incentrato sull’evento principale. Indipendentemente da quale teoria si accetta di come è stata effettuata l’11/11, c’è un fatto assoluto. Una grande quantità di pianificazione era necessaria per tirarla fuori, anni prima.

A questo livello il “Piano” si fonde su ciò che esattamente saranno le prestazioni. Questo è dove viene creato lo script effettivo. La posizione specifica è selezionata, gli attori scelti, le linee vocali create e le puntate necessarie.

Il tempo e la data sono decisi. Oltre a quanti finanziamenti saranno necessari per una prestazione di successo.

L’evento principale del 9/11 era la caduta delle torri gemelle. Questo era il culmine. Questo era lo shock e lo stupore psicologico del popolo americano, che precedeva lo shock fisico e lo stupore che cadevano sui popoli afghani e iracheni. È l’immagine della torre cadente che viene ancora oggi utilizzata per rafforzare quella paura e la rabbia.

JFK, RFK, MLK l’evento principale era il tiro, ma l’omicidio era solo un obiettivo.

Data/tempo

La data e l’ora sono entrambe decisioni cruciali. Sappiamo che per i seguaci dell’occulto le date sono MOLTO importanti. Vedi Christine Lagarde, Direttore Generale del FMI, Magic of Number 7, per dimostrare l’importanza della numerologia.

Vai al 50mo minuto del suo discorso sulla numerologia.

(questo è il video ma purtroppo è stato rimosso nda)

Il significato esoterico di una data dovrebbe essere esaminato da vicino.

Un altro fattore importante di data e ora è come coincidano con il ciclo di notizie. La data può anche essere critica a seconda di quanto è necessario o richiesto dall’evento principale.

La data può essere un fattore decisivo, specialmente se il tempo è breve, su come / dove è completato l’evento principale. L’attacco dell’11 settembre 2001, la data è normalmente abbreviata all’11 settembre e negli Stati Uniti il ​​numero di emergenza è di 9-1-1. Pertanto ogni volta che 9-1-1 o 911 è menzionato o visto ricorda il 9/11, e il trauma associato.

I recenti attacchi a Parigi avvengono il 11/13/15, che succede semplicemente venerdì 13. Ma sembra che questo sia stato previsto dalla rivista Economist di gennaio 2015 (Rothschild co-owner) con due frecce con i numeri 11.5 e 11.3, gli stessi numeri esatti come la data.

Queste frecce (sotto l’immagine – in basso a destra) si trovano di fronte alla foto “La belle ferronnière” di Leonardo da Vinci, che si trova al Museo del Louvre di Parigi:

Leggi QUI la prima parte

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento Nin.Gis.Zid.Da

continua…

 

La scienza del clima – raggiungere lo scopo a tutti i costi

“La deliberata corruzione della scienza del clima”, Dr. Tim Ball

 12 ottobre 2017 – 7:00 am Pubblicato da Sara Maria Maestroni

Ancora una volta siamo costretti a parlarvi della corruzione che impera e impregna la comunità scientifica e gli organi che dovrebbero garantire la validità degli studi e dei relativi risultati.

Riportiamo, quasi per intero, un articolo scritto da Tim Ball, uno dei più accessi combattenti di tale corruzione.

Vi accorgerete del crescendo narrativo che è riuscito a rendere, mano a mano che si susseguono le vicende. Come già immaginerete, lo scenario è il peggiore possibile

La premessa iniziale è quanto mai indicativa di come sarà l’atmosfera dell’intero pezzo (egli stesso ha preso spunto da un articolo pubblicato su WUWT, di cui non riporta il link):

Una punizione significa che le persone sono responsabili per le proprie azioni. La storia è piena di esempi di élite potenti che cercano di evitare la responsabilità. Non è sorprendente che, espandendosi la democrazia e con un gruppo più ampio al potere, ci siano più persone che evitano la responsabilità. Fa parte di quella società della “post-verità” o “post-facto”, esemplificata dall’idea che si infrange la legge solo se si viene “beccati”.

La lista di persone considerate non responsabili cresce ogni giorno, senza alcun segnale che la cosa possa cambiare in futuro […]

Subito dopo, ecco qui come stanno le cose (grassetto mio):

Responsabilità e punizione valgono sempre e solo per le persone comuni al gradino più basso della scala sociale ed economica. Nulla è più vero di quanto sta succedendo a proposito dell’inganno totale e deliberato secondo il quale gli esseri umani stanno causando il riscaldamento globale portato avanti dall’establishment. E’ senza dubbio il più originale, di lunga durata e più ampio esempio di “fake news”, ovvero informazione disegnata per mal-informare con una narrativa falsa.

Era una “fake-news” nella struttura e nella procedura, creata apposta per elicitare uno specifico risultato scientifico, ma poi si è spinta oltre. Maurice Strong e la gang del Programma sull’Ambiente delle Nazioni Unite (UNEP) ha costruito un meccanismo per restringere le loro scoperte e l’esposizione. Come ha scritto Elaine Dewar in “Cloak of Green”:

“Lui [Strong] può guadagnare i propri soldi da chiunque gli piaccia, nominare chiunque egli voglia e controllare l’agenda”

Non poteva mancare l’entrata in scena del nostro amato IPCC e la nascita dell’etichetta di negazionista, appiccicata a chiunque si ponesse delle domande e si rendesse conto che qualcosa non girava giusto nei documenti prodotti, con il preciso scopo di creare allarme:

La maggior parte di questo controllo ha incluso la creazione di un gruppo separato (IPCC) che producesse un Riassunto per i decisori politici (Summary for Policymakers). Essi hanno limitato e distorto ciò che era stato esaminato dal Gruppo di Lavoro n°1, le Basi della Scienza Fisica alle cause di origine antropica del cambiamento climatico, ma questo ha significato che il loro Report identificò tutti i limiti dei dati, il metodo, i modelli computerizzati e le analisi. Essi ben sapevano che davvero poche persone, sopratutto coloro che ci capiscono di scienza e di limiti, avrebbero letto il Report scientifico. In aggiunta, era facile emarginare i pochi, etichettandoli come scettici, negazionisti o imbonitori pagati dall’industria energetica. In ogni caso, lo scopo più importante era presentare un messaggio allarmistico rivestito di certezza ed essere sicuri che avrebbe ricevuto tutta l’attenzione dai media e dai gruppi ambientalisti. Essi raggiunsero lo scopo, rilasciando il Sommario (SMP) mesi prima del report scientifico durante una conferenza stampa pesantemente promossa e pubblicizzata. David Wojic, un esperto revisore all’IPCC, ha spiegato:

“Le omissioni lampanti sono lampanti solo per gli esperti, perciò i ‘decisori politici’ – inclusi la stampa e il pubblico – che legge il SPM non si renderà conto che viene detta loro solo un lato della storia. Ma gli scienziati che hanno scritto il Sommario SMP sanno la verità, come rivelato dal modo spesso ingegnoso con cui la nascondono. […]

Ciò che è sistematicamente omesso dal SPM riguarda proprio le incertezze e le contro evidenze positive che potrebbero negare la teoria dell’interferenza antropica. Invece che analizzare queste obiezioni, il Sommario sostiene confidenzialmente soltanto quei dati che supportano la sua tesi. Per farla breve, questa è difesa, non valutazione”.

L’inganno è riuscito a sopravvivere, nonostante la fuoriuscita di email che provavano che c’erano state omissioni e cancellazioni:

Essi hanno continuato e mantenuto l’inganno, nonostante la debacle dell’hockey stick (bastone da hockey, ndr). Era una grande storia all’interno del piccolo gruppo che sapeva cosa stava succedendo. Noi, stupidamente, pensavamo che tutto questo sarebbe cambiato dopo la fuoriuscita di emails dall’Unità di Ricerca sul Clima (Climatic Research Unit, CRU), apparse nel 2009. Molti di noi pensavano che fosse la rovina dell’inganno. Come avrebbero potuto sopravvivere alla rivelazione che Mosher e Fuller riassunsero così?

  • [hanno] attivamente lavorato per eludere le richieste per la Libertà di Informazione di Steve Mcintyre, cancellando emails, documenti e anche dati sul clima.
  • [hanno] cercato di corrompere i principali revisori scientifici (peer-review), che costituiscono il pilastro della scienza moderna, revisionandosi il lavoro reciprocamente, sabotando gli sforzi degli oppositori che cercavano di pubblicare il proprio lavoro, e minacciando gli editori dei giornali che non adempivano alle loro richieste.
  • [hanno] cambiato la forma dei loro propri dati in materiali mostrati ai politici in carica per cambiare il nostro mondo, “nascondendo l’indebolimento” che mostrava che i loro dati non potevano essere degni di fiducia.

Se anche solo la metà di queste affermazioni sono vere, si tratta di attività che avrebbero dovuto portare a censura accademica, scientifica e legale, finanche all’accusa criminale.

Ma qui stiamo parlando di politici e di consulenti di comunicazione che sono entrati in azione per limitare i danni. L’Università dell’Est Anglia, che ha sostenuto le azioni del CRU fin dall’inizio, assunse Neil Wallis, di Outside Organization. Un esponente dell’Università, Trevor Davies, disse che lo avevano assunto poiché si trattava di un problema di “gestione della reputazione” che non riuscivano a gestire bene. Invece, essi scelsero di diventare parte dell’insabbiamento politico. In effetti, le Università sono più esperti di altri nell’insabbiare.

Voi attenti lettori di AS, sapete bene quali sono i migliori strumenti di insabbiamento, giusto? Se vi dico commissioni di inchiesta, vi suona familiare…?

I veicoli di insabbiamento difensivo preferito dai politici sono le commissioni di inchiesta (vedi link). Molte persone pensano che siano una cosa buona poiché implicano l’esclusione dei politici. In effetti, esse sono l’arma ideale poiché i politici sono esclusi, ma ottengono molto più potere e controllo. Tutte le domande vengono eliminate poiché [i membri della commissione] non possono dire nulla fino alla conclusione dell’inchiesta.

Non si è abituati a fingere che questo non sia la più grande boiata.

Le email estratte dall’hacker dall’Unità di ricerca dell’Università dell’Est Anglia potrebbero scarsamente arrecare più danno. Sono ora convinto che essi sono sinceri e sono turbato e profondamente scosso da loro. Certo, i messaggi sono stati ottenuti illegalmente. Certo, tutti noi diciamo cose nelle email che sarebbero atroci, se rese pubbliche. Certo, alcuni dei commenti sono stati estrapolati dal contesto. Ma questi sono messaggi che non richiedono un esperto per farli apparire negativi. (Qui, sembrano essercievidenze di tentativi di fare in modo che alcuni dati scientifici non venissero pubblicati e addirittura tentativi di distruggere materiale che era oggetto di una richiesta di libertà di informazione):

“Peggio ancora, alcune email suggeriscono di sforzi per evitare la pubblicazione del lavoro di scettici del clima, o per tenerli fuori dal Report dell’IPCC. Credo che il capo dell’Unità, Phil Jones, dovrebbe dimettersi. Alcuni dei dati discussi nelle email dovrebbero essere rianalizzati.”

Jones si dimise al volo, ma venne velocemente reintegrato; nel frattempo, egli convenientemente “perse” i dati rilevanti (qui). Che io sappia, non c’è mai stata una “ri-analisi” ufficiale dei dati. Monbiot aggiungeva:

“Come mai la risposta del CRU a questo tema così disastrosa?”

Egli giustificava parzialmente l’azione, scrivendo:

“Gli scettici del cima hanno mentito, nascosto e imbrogliato per anni”

In ogni caso, stemperò l’affermazione in questo modo:

“Ecco perché noi razionalisti del clima dovremmo sostenere i più alti standard della scienza”

Nella Prefazione all’analisi di Andrew Montford, Lord Turnbull sostenne la lista di Monbiot, quando scriveva:

  • che gli scienziati del CRU fallirono nel dare una visione completa e giusta ai decisori politici e all’IPCC di tutte le evidenze a loro disponibili;
  • che essi ostacolarono deliberatamente l’accesso ai dati e ai metodi a coloro che avevano un punto di vista diverso dal proprio;
  • che essi fallirono nell’adempiere ai requisiti della Libertà di Informazione
  • che essi cercarono di influenzare i panel di revisori delle riviste, in modo da evitare che evidenze scientifiche rivali venissero pubblicate.

Soltanto 4 delle 5 inchieste, 3 in Inghilterra e 1 negli stati Uniti, produssero report. Essi erano:

  • il Comitato di Scienza e Tecnologia della camera dei Comuni, in Inghilterra
  • L’Inchiesta Oxburgh iniziata e diretta dall’Università dell’Est Anglia (UEA)
  • L’inchiesta Muir Russell, tecnicamente la Revisione Indipendente delle Emails sul Cambiamento Climatico (ICCER)
  • l’Inchiesta della Penn State.

Poi, come spesso accade se si è attenti osservatori, si notano degli schemi ricorrenti:

Di seguito un riassunto di queste investigazioni, che puntualizzano uno schema definito che ho riconosciuto anche dalla personale esperienza con commissioni d’inchiesta politiche.

Le persone parte dell’inchiesta erano sia compromesse da conflitti [di interesse] o avevano scarsa conoscenza di climatologia o del processo dell’IPCC:

  • Essi non avevano obiettivi chiari e definiti e fallirono nel raggiungere tutti quelli che pubblicizzarono.
  • Le interviste si limitavano alle accuse.
  • Gli esperti che sapevano cosa stesse succedendo e come fosse fatto, cosa che si deduce da quanto scritto nelle email, non venivano intervistati.
  • La validità della scienza e dei risultati ottenuti, così come vennero pubblicati sui Report dell’IPCC non vennero esaminati, in più gli inganni servivano per coprire questi problemi. Questo è particolarmente vergognoso per l’inchiesta di Oxburgh che ignorò specifiche istruzioni per esaminare la scienza.
  • Tutte le investigazioni erano seriamente inadeguate in grandi porzioni [del lavoro] tanto da essenzialmente negare le loro scoperte. Sembra che tali inadeguatezze fossero fatte deliberatamente per evitare lo smascheramento della verità. Tutti loro esaminarono sono una parte limitata delle questioni, per cui era come ascoltare solo una parte della conversazione e ciò che vuoi ascoltare è preselezionato.

Tutte le giurie hanno fallito nel riflettere sull’ammonizione di Hans Von Storch:

“Dobbiamo assumere una visione auto-critica di quanto è successo. Niente deve essere spazzato sotto il tappeto. Alcune inchieste – come in Gran Bretagna – fecero esattamente questo. Essi hanno buttato via un’opportunità per ristabilire la fiducia”.

La verità è che tutti fecero così. Fred Pearce, dal ‘The Guardian‘, evidenziò che:

“La segretezza era all’ordine del giorno al CRU. “Abbiamo notato che c’è stato uno schema ricorrente e consistente nel fallire nel manifestare l’adeguato grado di apertura”, dice il report. Tale criticismo si applicava non solo a Jones e alla sua squadra alla CRU. Si applicava allo stesso modo alla stessa Università, che potrebbe essersi sentita imbarazzata nello scoprire se stessa al banco degli imputati tanto quanto gli scienziati ai quali essa chiese di mettere Russel in giudizio”.

Clive Crock, un editore anziano a ‘The Atlantic’, aveva scritto:

“L’inchiesta della Penn State che esonerava Michael Mann – il paleoclimatologo che inventò l’Hockey stick – sarebbe difficile da scimmiottare. Tre delle quattro accuse sono abbandonate: l’inchiesta annuncia che, per mancanza di evidenze credibili, non verranno nemmeno investigate. (Su questo, Richard Lindzen del MIT ha detto ai commissari, “E’ davvero fantastico. Cioè, questi temi sono esplicitamente scritti nelle email. Mi chiedo cosa stia succedendo”. Il report continua: “Il comitato investigativo non ha risposto alla dichiarazione del Dott. Lidzen. Invece, la sua attenzione era catturata dalla quarta accusa”). Andando avanti, il report dice, in effetti, che Mann è uno studente modello, un cacciatore di finanziamenti di successo, un uomo ammirato dai suoi colleghi – perciò qualunque accusa di inappropriatezza accademica deve essere falsa”.

Più avanti, Crook scrive:

“Ho sperato, senza grande convinzione, che le varie inchieste Climategate sarebbero state più dure. Sarebbe stato il primo passo verso il ristabilire la fiducia nel consenso scientifico. Ma no, i report hanno peggiorato le cose. Nella migliore delle ipotesi, questi sono delle scuse contorte; alla peggio, sono chiaramente incompetenti e ostinatamente sbagliati. L’establishment della scienza del clima di cui queste inchieste fanno parte, sembra del tutto incapace di comprendere, figuriamoci una riparazione, il danno che hanno fatto alla loro stessa causa”.

George Morbiot scrive:

“Ma la campagna di bugie dei negazionisti, grottesche come sono, non giustifica la segretezza e la soppressione da parte degli scienziati del clima. Lontano da ciò: questo significa che essi devono distinguere loro stessi dai loro oppositori in qualunque modo. Nessuno è stato così malamente deluso dalle rivelazioni contenute nelle email come quelli di noi che hanno sostenuto la scienza. Noi dovremmo essere i primi a pretendere che sia inattaccabile, non gli ultimi”.

Tim, Ball conclude il suo articolo con amarezza, che francamente mi sento di condividere:

Effettivamente, essi sono stati molto lontani dall’essere “inattaccabili”, poiché rimasero in silenzio o parteciparono alla copertura orchestrata.

L’intera corruzione della scienza del clima, orchestrata attraverso l’IPCC, gli uffici nazionali di meteo e agenzie governative come NASA, GISS continua. Molte delle persone coinvolte alla CRU e altre agenzie citano le cinque commissioni d’inchiesta come prova della loro innocenza.

Non sono a conoscenza di alcuna persona che è stata dichiarata responsabile in qualunque modo per il più grande deliberato inganno della storia che ha creato disordini del tutto non necessari in ambito sociale ed economico e ha sprecato trilioni di dollari. Niente di tutto ciò sorprende poiché la mancanza di responsabilità è pandemica fra tutti i politici e le élite di potere. Ciò fa coppia con il cambiamento distruttivo nel pensare, associato con la convinzione che una persona infrange la legge solo se viene beccato.

Un crimine senza la punizione non è più un crimine.

Sara Maria Maestroni.

AttivitàSolare

Fonte diretta: https://www.attivitasolare.com/l

Il numero di Dunbar – il contatto sociale

Hai delle vere amicizie?Aristotele pensa che tu non le possieda

di Scotty Hendricks 30 settembre 2017 dal sito BigThink

Pensate al nome dei vostri cinque amici più vicini …

Pensate alle persone con cui potete parlare di qualsiasi cosa, quelle persone che avete conosciuto da un po’ di tempo, quelle che puoi sempre chiamare.

Ora, pensa a quante persone su Facebook si possono davvero definire qualcosa di simile a quel gruppo che hai pensato. Tutti noi abbiamo su Facebook un “amico” della scuola che non pensiamo fino al giorno del suo compleanno.

Il numero di Dunbar, è il presunto e significativo numero di rapporti sociali che si possono avere, ed è di 150.

L’utente medio di Facebook ha un numero molto maggiore di amici di quello sopra citato,

  • Quanti di loro sono veramente persone che ancora conosci?
  • Quanti di loro sono persone che vorreste vedere per un motivo qualsiasi
  • cosa ci piace della loro presenza?
  • Quanti dei tuoi amici si possono annoverare come i tuoi “amici”?
  • Come puoi discernere la differenza?
  • Qual è la differenza?

Nel suo etico capolavoro L’etica di Nicomachean, Aristotele si immerge con la sua brillante mente sul problema di quale amicizia in realtà si possa definire tale.

Aristotele non vede solo una retta vita che richiede la virtù, un bene interiore a cui siamo in gran parte responsabili; ma richiede anche beni esterni che facilitano in sé le virtù divertenti.

Tali cose includono l’essere greco, maschio, benestante finanziariamente, istruito, ragionevolmente sano, avere una decente fortuna e avere buoni amici. La questione di ciò che è un amico assume una nuova importanza per lui.

Nell’VIII° libro  di questo lavoro definisce tre tipi di amicizie e una virtù di amicizia, “Filia” o amore fraterno.

Come per tutte le virtù di Aristotele, Philia è il punto intermedio tra due vizi. La mancanza di amore fraterno conduce al vizio dell’egoismo, mentre la persona che è troppo amichevole con tutti è anch’egli viziosa a modo suo.

Aristotele sarebbe d’accordo sul fatto che,

“L’amico di tutti è un amico di nessuno”.

Per essere una persona autoritaria, nel senso aristotelico, devi dominare l’arte dell’amicizia.

Ma quali sono i tre tipi di amicizie?

L’amicizia dell’utilità è il primo tipo di amicizia che Aristotele menziona.

Queste amicizie si basano su ciò che le due persone coinvolte possono fare per l’altro e spesso hanno poco a che fare con l’altro individuo come persona. La persona a cui si offre un drink in modo da poter avere dei biglietti, mettere una buona parola per te, o anche solo per farti guardare meglio dagli altri.

Tali amicizie come questa includono l’offerta di ospitalità, così afferma Aristotele. Queste amicizie possono finire rapidamente, non appena si avrà raggiunto il possibile utilizzo dell’altra persona.

Il secondo è l’amicizia del piacere. Queste sono le amicizie basate sul godimento di un’attività condivisa e il perseguimento di piaceri e emozioni fugaci. La persona con cui bevete, ma non sareste mai andate a cena. Il ragazzo o la persona che vai a una partita di calcio, ma non la potreste mai tollerare di vedere altrove. Aristotele dichiara che è l’amicizia dei giovani. Questo è, ancora una volta, una amicizia spesso-corta, amicizia, tenuta con persone che possono improvvisamente cambiare quello che vogliono fare e  senza una connessione al loro amico.

In entrambe queste amicizie l’altra persona non viene valutata “in sé” ma come mezzo per una fine. Piacere di uno e qualche cosa di utile nell’altro. Mentre queste sono elencate come amicizie “minori” a motivo del motivo, Aristotele si apre all’idea della più ampia e ultima forma di amicizia che trova la sua genesi in queste categorie.

 La categoria finale è l’amicizia “Vera”.

L’amicizia della virtù o l’amicizia del “bene”. Queste sono le persone che ci piace per noi stessi, le persone che ti spingono ad essere una persona migliore.

La motivazione è che si cura per la persona stessa e quindi il rapporto è molto più stabile delle due categorie precedenti.

Queste amicizie sono difficili da trovare perché le persone che fanno il taglio “virtuoso” sono difficili da trovare. Aristotele lamenta la rarità di tali amicizie, ma osserva che sono possibili tra due persone virtuose che possono investire il tempo necessario per creare un tale legame.

Mentre Aristotele ci incoraggia a cercare la “pura” forma di amicizia. Non pensa necessariamente che si debba essere una persona cattiva per avere amici dei due precedenti tipi. Tutti noi li abbiamo.

Mentre ammette che alcuni piaceri siano cattivi per noi, egli chiama anche il piacere un bene che la gente vuole per trarne godimento.

Il vero problema in queste amicizie è quando non riesci a capire che sono del tipo inferiore e non vengono fatti sforzi per trovarne delle migliori.

Ma tutte le amicizie del piacere che ho adesso mi definiscono una persona cattiva?

No, ma gli aristotelici ti incoraggiano a salire.

Inizia a pensare alle tue amicizie. Non c’è qualcuno dei tuoi amici che vorresti conoscere meglio? Fallo! Se non funziona prova di nuovo.

Aristotele è chiaro, le amicizie della virtù sono rare, potrebbe richiedere un po’ di tempo. Prima che tutto funzioni, devi essere virtuoso. Non dovete essere subito un modello di virtù, anche Cicerone ha messo in dubbio quanto fosse virtuoso essere veri amici, ma una comprensione di “Philia” sarebbe utile.

In un mondo di connessioni sociali sempre più in crescita, la questione di quale amicizia “è veramente” una questione importante.

La guida di Aristotele, con le sue opinioni di diverse amicizie e la possibilità di miglioramento, sono un suggerimento molto necessario nel nostro mondo moderno.

Fonte: http://www.bibliotecapleyades.net/

Traduzione e adattamento: Ni.Gish.Zid.Da

L’ECTOPLASMA

UN ECTOPLASMA SI AGGIRA PER L’EUROPA: SOROS E LA SUA MANIA DI ONNIPOTENZA  

di Federica Francesconi

Una presenza ectoplasmatica si aggira per l’Europa: George Soros, il miliardario ottuagenario la cui longa manus rattrappita sta dietro tutti i movimenti (contro) rivoluzionari del pianeta, le novità pseudoculturali, l’umanitarismo di facciata che nasconde interessi economici inconfessabili.
 
Osannato dal mondo della cooperazione, dalle ONG e dai partiti progressisti europei, l’arzillo nonnino è ormai diventato in Europa un’icona della filantropia, il difensore per eccellenza dei diritti umani e delle minoranze straniere e di genere. Ma sotto una crosta superficiale di santità questo personaggio nasconde ben altro, essendo il principale finanziatore a livello mondiale della sovversione contro-iniziatica che sta portando il mondo alla deriva. Poco noti al grande pubblico sono infatti gli intrecci loschi tra Soros e gli agenti della sovversione.  
 
Ma andiamo per ordine, cominciando col rivelare i legami torbidi tra Soros e il mondo della cooperazione, anche italiana. Stando al quotidiano “Il Sole 24 ore” Soros avrebbe di recente investito sui titoli di alcune cooperative rosse del Nord Italia diventando, con il 5% del capitale sociale, il terzo azionista di alcuni colossi che fanno capo alla Lega delle Cooperative, quella presieduta dal pacioccone Poletti, Ministro del Lavoro dell’attuale governo.
 
L’ingresso di Soros svela il passaggio del mondo della cooperazione italiana da un modello economico di tipo solidale a un modello capitalistico tout court, già da anni adottato dalle cooperative, che ancora oggi si ammantano di un idealismo e di una purezza che non hanno mai posseduto. Insomma, le mani del nonnino Soros sulla cooperazione italiana porta alla luce del sole quel che già si sapeva da tempo e che era sottaciuto da molti: la trasformazione di quel mondo in un potere forte in grado di esercitare pressioni lobbistiche sui governi (e la nomina di Poletti alla guida del Ministero del Lavoro ne è una prova tangibile). Soros finanzia anche la cooperazione bianca, di matrice cattolica.
 
Ben documentata è infatti la partecipazione di Soros alle attività filantropiche della Compagnia delle Opere, che fa capo al colosso cattolico Comunione e Liberazione. In concomitanza con l’aumento dei flussi migratori verso il nostro paese, molte cooperative bianche e rosse hanno di recente riconvertito le loro attività nel sociale, precedentemente concentrate in settori quali i servizi educativi e sanitari, in attività di accoglienza e di gestione dei profughi. E’ quindi nata negli ultimi anni una costellazione di strutture residenziali e di comunità per accogliere e integrare i clandestini portati in Italia dalle ONG che operano nel Mediterraneo per il salvataggio di costoro.
 
Altro aspetto, questa volta più noto, dell’intraprendenza “filantropica” di Soros è il suo legame a doppio filo con le ONG, specialmente con quelle che si occupano della promozione dei diritti umani, in paesi dove vengono a loro dire calpestati.
 
Attraverso la Open Society Foundation Soros ha creato in pochi anni una vera e propria ragnatela in cui sono state attirate migliaia di ONG, spesso politicizzate e ideologizzate in senso radical progressista, che operano come agenti di disturbo verso i governi legittimamente eletti di paesi non allineati. Il caso della Siria è emblematico: attraverso una machiavellica propaganda mediatica queste ONG hanno creato a tavolino la fola della Siria violatrice di diritti umani e diffuso l’immagine demoniaca di Assad dittatore sanguinario che tortura i suoi cittadini.  
 
Altro aspetto veramente inquietante della rete labirintica creata da Soros per destabilizzare il mondo è il generoso finanziamento che egli elargisce alle associazioni LGBTQ. Secondo i documenti decretatati da Wikileaks, l’organizzazione di Julian Assange, è Soros il principale finanziatore del movimento delle Pussy Riots, un gruppo punk di donne russe sciamannate che contesta con atti provocatori Putin e l’attaccamento del popolo russo alle tradizioni patrie, e le laide Femen ucraine, sospettate di simpatie naziste. Come è lo stesso Soros a finanziare, solo per fare un esempio tra i tanti, l’Arcigay e tante altre associazioni gay e gender.
 
Il filo rosso che unisce Soros alle ONG che operano nel Mediterraneo è poi noto a tutti (o quasi). E’ lui che finanzia le navi che solcano il Mediterraneo per soccorrere i clandestini caricati nelle carrette degli scafisti. Anche se più che di soccorso bisognerebbe parlare di complicità vera e propria tra gli operatori ONG e gli scafisti, come alcune recenti indagini della magistratura italiana hanno rivelato. D’altra parte i referenti delle ONG non nascondono, con un certo autocompiacimento, la loro stretta collaborazione con la Open Society Foundation sorosiana, e i bilanci di tali ONG palesano il finanziamento diretto da parte di essa.
 
Il legame tra il magnate ungherese e le ONG dei “profughi” è così stretto che quando il mese scorso il governo libico ha deciso di vietare alle navi ONG di accostarsi alle coste libiche per caricare i clandestini, Soros ha avuto un’esplosione di rabbia, tempestando di telefonate tutti i big della politica internazionale, ONU compresa, per bloccare la decisione del governo libico. E per sensibilizzare l’opinione pubblica occidentale Soros ha già pronto l’avvio di un nuovo movimento di protesta pro migrates, i No Borders, che si attiveranno con manifestazioni e provocazioni di ogni tipo in tutti i paesi europei. Solita strategia della manipolazione dell’opinione pubblica a suon di slogan e attivismo a pagamento, insomma. Cambiamo gli attori ma la trama e il regista restano uguali.
 
Che dire, per concludere, di questo magnate con il chiodo fisso della democrazia a tutti i costi? Ma che cosa intenderà mai il filantropo Soros con il termine “democrazia”? Potere al popolo, come l’etimologia suggerisce, o potere alle élite illuminate che sovrastano il popolo prendendo decisioni non condivise che peggiorano la qualità della vita? Democrazia come solidarietà e difesa delle fasce più deboli della cittadinanza o democrazia del denaro? Rispetto dell’autodeterminazione dei popoli o imposizione della democrazia attraverso campagne di demonizzazione o campagne militari? Lascio ai più lungimiranti l’ardua risposta.